Se c’è un detto che mai come oggi è diventato attuale è “chi fa da sè fa per tre”.
Gode di una certa fama soprattutto nelle aziende che decidono di proporsi su internet con portale prefabbricati, senza chiedersi cosa questo comporti per la loro attività.Five

Molte volte si parla di servizi basati su template (come Wix ad esempio) che servono per creare siti “professionali”, offrendo una selezione di design disponibili.
Più spesso di quanto si possa pensare, le aziende ricorrono a questi servizi, facili da aggiornare (basta inserire nuovi testi, qualche immagine in più, cambiare i colori, il logo, il carattere, ecc).
Facendo questo, probabilmente, non ci si accorge degli errori presenti  nel design di questi template e di cosa questi comportino in termini di mancate vendite, soprattutto per quanto riguarda gli ecommerce.

Tra questi vi sono le Call To Action (CTA) le quali a volte non compaiono oppure vengono completamente trascurate. Le CTA sono inviti a compiere un’azione, come banner o pulsati riportanti un testo incisivo che induce l’utente a cliccarvi sopra generando conversioni.
Riparando a questo problema si possono incrementare le conversioni aumentando di conseguenza il fatturato.

Di seguito vi riportiamo 5 suggerimenti che possono rendere le vostre call to action efficaci per favorire le vendite.

1. Testate la user friendliness

Ci sarà un motivo per cui la user experience è molto importante in ambito di design.
E’ importante che la prospettiva  adottata dall’azienda, nei confronti del proprio sito, sia la medesima dell’utente che lo visiterà. Questo include i concetti di responsive e adaptive, quindi l’ecommerce deve essere fruibile da mobile, tablet e pc e  i comandi e form devono essere facili da trovare e utilizzare.

Una tecnica impiegata per fare ciò, è mettersi nei panni dell’utente che sta consultando il vostro sito alla ricerca di un’informazione. Quando una persona visita il vostro portale, quale informazione starà cercando? Se pensiamo ad un ecommerce, il cliente sarà più interessato a cercare un prodotto specifico, quindi è importante che il comando di ricerca e il menù con le categorie disponibili siano ben visibili e facili da utilizzare.

Il cliente vorrà comparare dei prodotti prima dell’acquisto?  Sicuramente si, quindi prevedete  questa possibilità inserendo un tool di comparazione, anche questo facile all’utilizzo. Le call che utilizzerete dovranno accompagnare l’utente in ogni fase della sua “shoping experience”: Ti piace? Acquista ora!, Comparalo con altri prodotti!, Non ti convince? Cerca altro!, Ti interessa? Aggiungilo al carrello, ecc…

2. Fornite istruzioni

C’è un motivo se portali come Amazon utilizzano verbi nelle call to action. I verbi corrispondo all’azione: “aggiungi al carrello”, “aggiungi alla wish list”, “iscriviti”, portano il visitatore a fare qualcosa.
Ricordatevi che le vostre CTA devono essere sempre al solito posto in ogni pagina. Non mettetele prima in alto a destra, poi in basso a sinistra, centrali o piccole e nascoste. Questo destabilizza l’utente infastidendolo immediatamente, per cui l’azione successiva sarà la chiusura del sito.

Pensate sempre di dire al cliente cosa deve fare. Guidatelo, non abbiate paura di essere impertinenti, siate espliciti.

3. Usate contrasti

I colori e la posizione sono fondamentali nel design perché guidano l’occhio verso determinati elementi.
Le CTA funzionano meglio se poste in evidenza con dello spazio bianco intorno, quindi non in mezzo a del testo, ma più possibilmente “isolate”. Se la call to action si trova su un pulsante, questo dovrebbe essere di un colore che catalizzi l’attenzione.

Designer professionisti utilizzano spesso il contrasto per creare disegni visivamente accattivanti.
Il contrasto è dato dall’accostamento di elementi drammaticamente diversi fra loro (luce vs buio, piccolo vs grande) questo per richiamare l’attenzione su un particolare punto.
La CTA deve essere progettata per attirare l’occhio su quella parte specifica della pagina.

4. Evitate il disordine

Un sito può cadere nell’errore di caricare più contenuti possibili sulle proprie pagine. Evitate il sovraffollamento di informazioni perché possono portare ad un design confuso che allontana il visitatore più che attrarlo. La pulizia e la semplicità sono fondamentali e non devono influire negativamente sullo stile dell’ecommerce.

Ancora peggio se la confusione è creata da più call to action che si avvicendano sulla stessa pagina.
Sempre provando a mettersi nei panni dell’utente, guardate tutte le CTA presenti, quale attrae per prima l’attenzione? E quella che più desidera richiamare l’attenzione? In base alle risposte agite di conseguenza.

Per qualsiasi sito aziendale le CTA sono essenziali. Utilizzando gli strumenti oggi disponibili , è possibile determinare se il vostro disegn le supporta o se interferisce con loro.

Oltre all’analisi dei siti web, non dimenticatevi di chiedere direttamente ai vostri clienti più fedeli se trovano il sito facile da navigare. Non trascurate mai il loro feedback, magari inserendo su ogni pagina un form apposito che riporti: “hai trovato quello che stavi cercando?”

Non importa come vi si arriva , l’obiettivo è quello di creare call to action che rapidamente e senza intoppi, portino l’utente dove vuole andare.

5. Scegliere un bravo web master e affidarsi ad un buon provider

L’ultimo punto è quasi scontato, eppure ribadirlo è sempre utile.
Perché il vostro sito sia un vero investimento che possa fruttare nel tempo, affidarsi al caso o alla prima soluzione non è la migliore delle idee.

Le basi sono molto importanti e determinano la riuscita o meno del vostro progetto.
Assicuratevi sempre che il piano hosting da voi scelto sia compatibile con le vostre esigenze ed effettivamente affidabile.

Vi è una differenza tra un web hosting e un server e anche se nell’ultimo caso l’investimento può essere maggiore, ricordatevi che ne trarrete guadagno in termini di entrate man mano il vostro portale si amplierà a livello di visite.

Le call to action vengo utilizzate moltissimo per focalizzare l’attenzione su promozioni che poi vengono veicolate tramite campagne di email marketing o social. Se la struttura sui cui il vostro sito poggia non è stata pensata per ospitare un alto numero di visite tutti i vostri sforzi risulteranno vani.

Per questo è utile farsi affiancare da un web master o designer preparato e competente, che sappia direzionarvi al meglio, evitando quindi il fai da te e la famosa logica del “che fa da sè fa per tre”.