Visti gli ultimi provvedimenti in termini di protezione dei propri dati, come la Cookie Law  e i Certificati SSL, rivedere i corretti comportamenti da adottare per proteggere la propria privacy, può essere molto utile.

Negli ultimi anni internet è diventato un luogo sempre più pericoloso a causa della presenza di malware, virus, pishing scan, che stanno aumentando di numero, diventando sempre più sofisticati.
Violazione dei dati e furto d’identità sono all’ordine del giorno.

Anche tra i siti più “rispettabili” vi sono molteplici modi di raccogliere i vostri dati personali, che vengono poi memorizzati e analizzati. L’utilizzo dei dati personali e il modo in cui vengono salvati e protetti, possono creare rischi reali per la vostra privacy e anche per le vostre finanze.

Esser capaci di mantenere la propria privacy su Internet è sempre più difficile ma decisamente importante.

Vi aiutiamo riportando 7 buone pratiche da tenere sempre presenti.

#1 La Base – Se non sai cosa sia, eliminalo!
Da quando malware e pishing scan si sono sempre più evoluti, è consigliabile non aprire email che appaiono inusuali o inviate da utenti che non si conoscono o con oggetti insoliti (magari irresistibili), soprattutto se si riferiscono a social media o servizi finanziari. Eliminatele immediatamente.

libero-mail

La stessa cosa vale per gli allegati e per i link che provengono da indirizzi email dubbi. Combattete contro la curiosità ed eliminate tutto. Se ricevete email riguardanti un rimborso o la richiesta di un saldo, piuttosto di cliccare sul link che viene riportato, visitate direttamente il sito di provenienza accedendo con il vostro account o contattate il fornitore telefonicamente.

Altra misura preventiva è mantenere il proprio pc sempre aggiornato a livello di protezione e antivirus e cambiare periodicamente le password (possibilmente senza salvarle su un foglio word).

#2 Impostazioni della privacy
Aggiornare le impostazioni di privacy su social media e motori di ricerca (Facebook, Yahoo, Google) è un buon punto di partenza per proteggersi.
Questo può essere fatto andando alla voce “Impostazioni” del menù.

Visto che sulla maggior parte dei siti le informazioni vengono divulgate pubblicamente, modificare le impostazioni aiuta a far sì che i vostri dati vengano visti da poche persone.
Idealmente si dovrebbe scegliere di condividere informazioni solo con le persone che conoscete.

Perché è importante?
Il fenomeno di oversharing, che si verifica soprattutto sui social, porta a numerosi rischi tra cui possibili irruzioni di ladri in casa vostra, che ne approfittano del fatto che siete assenti o in vacanza. Quindi il pericolo va al di fuori della rete estendendosi alla vostra incolumità.
Limitare le condivisioni, le tag sulle foto e modificare la linea temporale aiuta a mantenere un certo “anonimato” che può tutelarvi.

#3 Bloccare i cookies
Grazie al recente provvedimento del Garante della Privacy, che tutti conoscono come Cookie Law, identificare e bloccare i cookie è diventato più semplice. Soprattutto i cookie di terze parti sul vostro browser.

cookie terze partiBloccare i cookie significa rendere più difficile ai siti web stabilire la vostra ultima visita e memorizzare le vostre preferenze. Non sempre bloccarli è conveniente, ma dal punto di vista della salvaguardia della privacy è un punto in più.
I plug – in per il browser che aiutano nel blocco dei cookie sono: AdBlock Plus e uBlock.

#4 Scollegare gli account
Molti siti web stanno dando la possibilità di collegare il proprio account.
Google, ad esempio, permette di linkare i diversi account Gmail in un browser e molti siti stanno dando la possibilità di utilizzare i dati di accesso di Google per entrarvi.

Anche se conveniente, collegare account è rischioso.

Se uno dei vostri account è compromesso, tutti gli altri collegati saranno a rischio.

#5 Secure Connection, Firewall e Antivirus
Usate sempre una connessione wireless protetta (basta Wi-fi pubbliche). Se ancora non disponete di una password sulla wi-fi di casa vostra, è meglio provvedere ad inserirla.

Usate i firewall: proteggono il vostro pc da traffico indesiderato.
La buona notizia è che nei più moderni SO vi sono già integrati firewall, quindi basta assicurarsi che siano attivi e che le impostazioni di protezione siano state settate come “alta”.

E’ inoltre importante mantenere aggiornato l’antivirus del vostro computer.
Microsoft, ad esempio, fornisce il suo Security Essentials software gratuitamente.
Due applicazioni gratuite per Mac sono Sophos e Avast.

#6 Password difficili
In altri articoli abbiamo parlato dell’importanza di scegliere password difficili affinché non vengano individuate. Forse per svogliatezza o per paura di dimenticarle, molti utenti scelgono password semplici, composte da nome cognome o, a volte, dalla semplice parola “password”.

Già utilizzare la propria data di nascita potrebbe essere un passo avanti.
Usare password con minimo 8 caratteri è una buona idea, però alternare caratteri caratteri numerici a lettere dell’alfabeto può comunque non essere completamente sicuro. Già una dicitura di questo tipo “dr46hnz78” può essere vulnerabile ad un attacco grazie alla sofisticata tecnologia ora in uso e combinazioni a random come questa “%7nfu48/!yu” possono essere difficile da ricordare.

Un modo per creare password più sicure che siano facili da ricordare è quello di provare parole brevi con spazi o altri caratteri che li separano . E’ meglio usare parole a caso, piuttosto che frasi di uso comune . Ad esempio, “torte_anni_compleanno”.

Evitate di utilizzare la stessa password per più siti o abbiate cura di differenziare quelle che utilizzate per i portali di intrattenimento come social network e siti finanziari.

Se avete difficoltà a ricordare tutte queste password, aiutatevi con un applicazione come SplashID che organizza e protegge le password.

Tor logo#7 utilizzate un buon browser
E’ necessario eliminare i cookie regolarmente (su Chrome basta andare nel menù e cliccare “cancella dati di navigazione”).
Cercate inoltre di scollegarvi da Facebook e Google prima di uscirvi.Se si vuole fare il passo successivo per ottenere una migliore privacy, potete utilizzare un browser come Tor che instrada il vostro IP attraverso una rete privata virtuale (VPN) garantendovi maggior protezione.