Estensioni .pirate e OpenNIC

Dopo la giornata mondiale contro la cyber censura (12 marzo) stanno nascendo organizzazioni come OpenNIC per contrastare il controllo e l’oscuramento nel mondo di Internet.  A discapito di coloro che si sforzano di sostenere il  contrario, Internet è un mondo dove le barriere non rimangono tali molto a lungo.

OpenNIC è una realtà promossa da alcuni volontari per lo sviluppo e la gestione di DNS alternativi e, attraverso il progetto dotPirate, la creazione nomi a dominio insoliti.

I DNS (Domain Name System) solitamente vengono impostati automaticamente dal proprio provider, con l’utilizzo invece di DNS alternativi è possibile accedere ai siti internet  (anche esteri) senza incappare in forme di censura, caricare più velocemente le pagine web e in più è garantita una maggiore sicurezza grazie ad avvisi ad hoc se si sta caricando un sito sospetto.

La mission di organizzazioni come Open NIC è provvedere ad un accesso facile e sicuro a domini che non sono amministrati e controllati da ICANN.

Nuove tipologie di gTDL e la nascita di DNS alternativi sono un chiaro segnale di protesta per coloro che tentano di definire una sorta di “proprietà” e “controllo” su internet, che per la sua vastità e portata di contenuti è assolutamente impensabile.

Tra i nuovi gTDL introdotti scopriamo ad esempio .pirate che per la sua “natura” potrebbe prestarsi ad un utilizzo con accezioni negative (per prevenire eventuali abusi, si è deciso di riservare alcuni dei nomi a dominio per limitare i malintenzionati).

Questo dominio si deve a Travis McCrea presidente del Partito Pirata Canadese, un partito politico a tutti gli effetti, che l’ha registrato e lo mantiene per divulgare l’idea di un flusso di informazione libera, senza alcun tipo di restrizioni.

“Mentre il mondo diventa sempre più piccolo e interconnesso grazie ai progressi di internet e della tecnologia web, ogni giorno la nostra capacità di avere un flusso di informazione libera diventa sempre più minacciato da coloro che  pretendono il controllo e la censura di questa piattaforma in grado di tenerci insieme”.  (Travis McCrea)

La registrazione è semplice e permette al nuovo dominio .pirate di essere accessibile da chiunque utilizzi uno dei DNS server di OpenNIC, quest’ultimo forse l’unico svantaggio.

Scegliendo il gTDL .pirate non si ha il rischio di contravvenzioni, troll del copyright., sanzioni o supervisione di ICANN.

E’ già possibile registrarsi sul sito dotpirate.me e acquistare un piano di hosting per la gestione del dominio. Registra subito il dominio e acquista un piano hosting. Contattaci subito.

Per visualizzare tutte le estensioni disponibili fai click qui.

 

By |17/05/2012 - 23:58|0 Comments