I domini di primo livello o, in inglese, Top Level Domain (TLD) si collocano nel gradino più alto della gerarchia del Domain Name System (DNS), il sistema dei nomi di dominio.

I TLD o estensioni si dividono in 2 categorie principali:

  • generiche (gTLD), come il .com, .net e .org, molto popolari per chi vuole registrare un nome a dominio.
  • geografiche (ccTLD), a livello di ogni singolo Paese.

I ccTLD (Country Code Top Level Domain) sono assegnati ad ogni nazione dall’ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers), sulla base del relativo codice nazionale ISO (Standard ISO 3166, introdotto nel 1974). Ogni stato ha un codice composto da 2 lettere: ad esempio .it per l’Italia o .uk per il Regno Unito.

Ogni nazione può determinare i propri parametri e condizioni per registrare un ccTLD, ad esempio relativi ai simboli consentiti o alla residenza. Questo ha causato alcune disparità tra gli stati: per registrare un TLD francese, il proprietario del dominio o la sua azienda deve avere la residenza in Francia, mentre in Italia è sufficiente avere la residenza in uno stato dell’Unione Europea.

Una curiosità? Alcune estensioni sono state commercializzate per usi differenti rispetto alla collocazione geografica:

  • .tv: è l’estensione nazionale di Tuvalu, ma è stata acquistata da DotTV come dominio commerciali per le reti televisive per più di 50 milioni di dollari.
  • .ag: è l’estensione nazionale di Antigua e Barbuda ma viene spesso registrata dalle Private Limited Company nei paesi germanofoni.
  • .me: è l’estensione nazionale del Montenegro, si è assistito ad un vero boom di registrazioni dal 2008, proprio per la sua versatilità. Spesso il .me viene utilizzato per combinare frasi, come nel caso del dominio meet.me, venduto per 450 mila dollari nel 2011.

Quali sono i pro e i contro dei ccTLD?

Spesso i ccTLD possono rivelarsi un’ottima scelta per la realizzazione del tuo sito. Ma quali sono i pro e i contro dei domini geografici?

I pro dei ccTLD

  • Maggiore disponibilità: a differenza delle estensioni generiche, come .com o .net, ampiamente utilizzate, è più facile riuscire a registrare il nome a dominio desiderato con un’estensione nazionale. In questo modo, hai maggiori possibilità di trovare il tuo nome perfetto che si identifichi totalmente con il tuo brand e i valori.
  • Più brevi: tutti i ccTLD sono composti da due lettere e un’estensione breve può portare dei vantaggi specialmente con la navigazione da mobile. Avere un nome a dominio corto può aiutare gli utenti a ricordarlo e trovare il tuo sito più facilmente.
  • Possibilità di sfruttarli a livello di branding e marketing: come abbiamo visto prima, alcune estensioni (.me, .tv, .ag) sono spesso utilizzate per scopi commerciali, differenti dalla localizzazione geografica. Questo è un trucco usato per realizzare operazioni di marketing, ottenendo un nome a dominio che riesca ad attrarre gli utenti.

I contro dei ccTLD

  • Indicizzazione Google: i TLD sono una delle variabili utilizzate da Google per capire se i nostri contenuti riguardano gli utenti di una specifica zona geografica. Il problema sorge quando Google tratta come generici alcuni TLD che invece sarebbero geografici, ad esempio .me o .co. In questo caso, i proprietari del dominio dovranno collegarsi a Google Search Console e correggere la localizzazione così da apparire come estensioni geografiche.
  • Prezzi non prestabiliti e disparità tra i Paesi: i prezzi e le normative di ogni TLD nazionale sono prestabiliti dal Paese stesso e possono variare ogni anno, rendendo il costo di rinnovo più elevato. Inoltre, non c’è un regolamento comune ma ogni stato può attuare le proprie normative riguardo la registrazione del TLD, causando situazioni di disparità.

Registra il tuo dominio con noi

Alla pagina Registrazione Dominio nel nostro sito, puoi scegliere tra più di 900 estensioni e acquistare quella più adatta alle tue esigenze tramite il nostro Pannello Manager.

Abbiamo recentemente migliorato l’area relativa ai domini nel Pannello, per garantirti una migliore usabilità: ora puoi vedere in una pagina tutti i tuoi domini e le relative informazioni, come l’avanzamento dello stato di trasferimento del dominio. Un’altra feature interessante è l’immediatezza con cui vengono comunicati possibili errori: ad esempio, in caso di authcode scorretto o dati del contatto mancanti, verrai notificato in modo da poter correggere subito. In questo modo, potrai evitare perdite di tempo e impiegare le tue risorse per lavorare sul tuo sito web!