cPanel aumenta le sue tariffe? La nostra risposta

By |16/07/2019 - 15:46|News|0 Comments

Le licenze cPanel subiranno un elevato aumento di prezzo, in seguito al recente comunicato dell’azienda (cPanel, L.L.C), generando un reale timore nei suoi partner. Sono infatti molti gli hosting provider che affidano la gestione dei loro servizi, proprio al pannello di controllo sviluppato dalla company di Houston.

Noi di Shellrent abbiamo sviluppato un pannello di proprietà, il Manager, attraverso il quale l’utente può gestire, da un unico accesso, tutti i suoi servizi attivi, come Web Hosting condivisi e Cloud Server, nonché richiedere assistenza e visualizzare le fatture. La scelta di non affidarci ad un pannello di controllo terze parti, ha l’obiettivo di fornire ai nostri clienti una soluzione sempre su misura in rapporto ai loro servizi attivi, senza il timore di trovarci impreparati in momenti come questi, ossia quando un’azienda fornitrice (in questo caso cPanel, L.L.C) aumenta le tariffe dei propri servizi, rimanendo quindi indipendenti dalle dinamiche di mercato.

Cos’è accaduto?

Tornando a cPanel, realtà con una storia più che decennale, è divenuto, in questo lasso di tempo, il pannello di hosting automation più diffuso al mondo, per la sua completezza e la sua facilità d’utilizzo. La controparte di cPanel è WHM (Web Hosting Manager), per la gestione della rivendita degli stessi hosting e proprio virtù di ciò, molti hosting provider, non solo americani, si sono affidati a questi pannelli per la diffusione dei loro servizi.

Entrando nel dettaglio, lo scorso 27 giugno, attraverso un annuncio ufficiale sul proprio blog, cPanel ha comunicato al mondo un aggiornamento della propria offerta Licenze, apportando di fatto un inaspettato e notevole aumento delle tariffe.
Alcuni hosting provider che hanno manifestato pubblicamente il loro malumore, stimando di dover sostenere un aumento di costi fino all’800%, mentre altri rilevano percentuali più ridotte, ma comunque difficilmente ignorabili e che avranno sicure ripercussioni sui loro business.

La scelta di cPanel, dallo scorso anno controllata da Oakley Capital (già proprietaria di Plesk dal 2015), è stata di operare un riallineamento della propria distribuzione, ridefinendo e ampliando le caratteristiche dei propri prodotti cPanel/WHM. Tale scelta, stando a quanto riporta l’azienda nell’articolo sopracitato, è dovuta al progresso tecnologico dell’hardware dei server e dei software, per ottimizzare il rendimento degli stessi, che il settore dell’hosting ha avuto nell’ultimo ventennio. L’attuale proposta commerciale, due Licenze cPanel (VPS e Dedicated) per la gestione di illimitati domini, risulterebbe quindi una via non più sostenibile per l’azienda, la quale si è vista costretta ad operare, a partire da settembre, il seguente adeguamento prezzi.

Quali saranno le nuove tariffe?

La scelta più significativa che genererà più ricadute sui business di molti provider, sarà il passaggio da Licenze in cui gestire illimitati account, a nuove Licenze limitate in questo senso: 4 nuovi piani che vanno da 1 a 100 account. In questo scenario, chi amministra centinaia di domini si vedrà aumentare i costi in modo considerevole, i quali ricadranno, inevitabilmente, sugli utilizzatori finali.

L’attuale divisione fra server virtuali e dedicati corrisponderà a Cloud e Metal: per il primo saranno disponibili tutti i piani, per il secondo solamente quello più avanzato (Premier). Quindi chi vorrà installare cPanel su una macchina fisica, dovrà necessariamente partire dalla soluzione più costosa.
Ogni account aggiuntivo oltre i 100, potrà essere attivato ad un canone aggiuntivo di $0,10/mese ad account (Bulk Account).

Piani cPanelAccount amministrabiliTipo LicenzaPrezzo mensile
Solo1Cloud$15.00
Admin5Cloud$20.00
Pro30Cloud$30.00
Premier100Cloud e Metal$45.00

 

L’aggiornamento

In seguito alle numerose polemiche espresse dai partner verso le scelte operate da cPanel, attraverso un nuovo comunicato sul proprio blog, il 5 luglio 2019, l’azienda ha cercato di correre ai ripari, scusandosi per aver sottostimato l’entità dell’annuncio fatto e rivedendo quanto espresso solamente 10 giorni prima.

Esclusivamente per i partner, cPanel riserverà prezzi leggermente ridotti e faciliterà la scalabilità delle Licenze stesse, nonché la possibilità di diventare partner. In particolare introdurrà un nuovo piano Plus, per gestire fino 50 account, e nuove fasce del piano Premier a prezzo fisso da100, 150, 200 e 250. Oltre tale limite, si potranno aggiungere dei Bulk account a $0,10/mese l’uno.

Ora non sapremo come evolveranno le cose nei prossimi mesi e se i partner di cPanel si muoveranno verso altre direzioni, come DirectAdmin o Plesk, sicuramente economicamente più convenienti. Come Shellrent siamo partner proprio di Plesk, in quanto lo riteniamo un pannello di controllo intuitivo e snello, ma il nostro focus rimane, e rimarrà, sempre il nostro pannello di controllo Manager.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.