Il dominio .PAGE: un nuovo passo per un web sicuro

By |23/11/2018 - 10:07|News|0 Comments

Il Registro domini di Google si amplia con il nuovo nome di dominio .page. Esso rappresenta un ulteriore passo avanti nella direzione di un web sicuro per i suoi utenti, in linea con la missione che si è data Google stessa.

Il nuovo TLD (Top Level Domain) .page, di proprietà del colosso di Mountain View, richiederà infatti l’utilizzo del protocollo di sicurezza HTTPS. Questa non è una novità per il Registro di Google, in quanto già il dominio .app, rilasciato lo scorso maggio, richiede il supporto di una comunicazione criptata per essere visualizzabile sui browser.

Questo vincolo per le estensioni .app e .page, si innesta in quella che è la direzione più ampia che sta intraprendendo il proprietario del motore di ricerca più utilizzato al mondo: rendere il web un luogo sicuro per utenti, dando loro un luogo (digitale) migliore in cui stare. È infatti Google stesso che dichiara che sono gli stessi utenti che si aspettano di trovare sicurezza nelle pagine di siti su cui navigano quotidianamente.

Al fine di andare incontro a questa esigenza, Google sta spingendo sempre più affinché i siti utilizzino il protocollo HTTPS, quindi abbiano attivo un certificato SSL. Cercando di imporre il medesimo come uno standard, con l’aggiornamento di Google Chrome dello scorso settembre, alla versione 69, è stato tolto il tag Sicuro accanto agli url che iniziano con https://, proprio perché questo protocollo non è più degno di nota, ma “la buona regola” che ogni sito web dovrebbe avere. Per approfondire, leggi il nostro articolo.

L’estensione .page è più generica della .app, la quale si rivolge espressamente al settore delle applicazioni mobili, e può essere utilizzato per qualsiasi progetto, magari creando dei giochi di parole con il dominio di secondo livello. Questo nuovo TLD è però garanzia di sicurezza, in quanto presuppone il protocollo HTTPS, e ciò può avere un impatto molto positivo sugli utenti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.