Con la rivoluzione digitale, le strategie di vendita in ambito web sono diventate sempre più sofisticate ma l’Email Marketing continua, da molti anni, ad essere uno degli strumenti più efficaci per ottenere risultati e generare profitti con il tuo business online.

L’email marketing è una tipologia di direct marketing che comprende sia mailing list che newsletter, attraverso le quali l’azienda comunica informazioni rilevanti, generali o rivolte a un target specifico, e promozioni o sconti per attirare e fidelizzare i contatti. Ogni giorno ricevi decine di email spazzatura nella tua casella di posta: ecco perché è di primaria importanza che una campagna di email marketing ben studiata si differenzi dal resto delle email.

Come creare una strategia di email marketing?

Quali sono i passaggi da seguire per un’efficace strategia di email marketing?

  • Progettazione e definizione degli obiettivi
  • Creazione dei contenuti
  • Lead capturing
  • Lead nurturing
  • Conversione

Progettazione e definizione degli obiettivi

In fase di progettazione della tua campagna di email marketing, è essenziale definire gli obiettivi: una volta definiti, sarà più facile modificare e gestire le varie situazioni che si presentano, ottimizzandole per raggiungere gli obiettivi finali prefissati.

Come definire gli obiettivi? Puoi utilizzare il metodo S.M.A.R.T, sviluppato da Peter Drucker nel 1954 seguendo il filone della gestione aziendale per obiettivi (MBO: Management By Objectives). Secondo questa filosofia, la fase di definizione degli obiettivi viene messa al primo posto rispetto alle attività necessarie per il loro raggiungimento.

Per essere ben definiti, gli obiettivi devono rispettare 5 criteri che corrispondono all’acronimo S.M.A.R.T.

  • S= Specific (specifico): l’obiettivo deve essere specifico e ben definito, esprimendo in modo chiaro e inequivocabile cosa, come e perché.
  • M= Measurable (misurabile): è fondamentale essere in grado di misurare l’obiettivo per capire se la tua strategia stia funzionando (ad esempio, aumentare le vendite del 10%).

A= Achievable (realizzabile): il tuo obiettivo deve essere realistico e raggiungibile, in relazione alle tue risorse e capacità.

  • R= Relevant (rilevante): l’obiettivo definito deve essere rilevante per la tua attività e apportare un reale beneficio economico.
  • T= Time-based (Temporizzabile): è fondamentale impostare un intervallo di tempo e quindi una data di scadenza entro la quale raggiungere il tuo obiettivo.

Creazione dei contenuti

Per una strategia di email marketing efficace, il punto di partenza è la creazione di contenuti che offrano un reale valore per gli utenti e li aiutino nella risoluzione di determinate problematiche.

Devi creare contenuti che si differenzino da quelli dei tuoi competitor, innovativi e orientati alla soluzione per attrarre e fidelizzare gli utenti.

Lead Capturing

Dopo aver creato i tuoi contenuti di valore, è necessario catturare l’attenzione dell’utente (lead capturing). Una delle modalità più conosciute consiste nell’offrire dei contenuti gratuiti, chiamati freebie (ad esempio, e-book, white paper, video utili), in cambio dell’iscrizione alla newsletter.

Come? Puoi creare una landing page apposita per l’iscrizione, un pop up o un modulo di iscrizione alla fine del tuo contenuto.

L’obiettivo è aumentare gli iscritti alla tua newsletter raccogliendo contatti interessati e in target con i tuoi contenuti.

Analizza il tasso di iscrizione (numero di iscrizioni/numero di visite) per valutare l’andamento della tua strategia.

Lead Nurturing

Dopo aver catturato il lead, è importante nutrirlo e creare una relazione di fiducia per condurlo all’azione finale, l’acquisto (lead nurturing).

La parte centrale di questa fase è l’elevata personalizzazione della comunicazione con i lead: l’attività di categorizzazione e segmentazione delle buyer persona ti permette di inviare contenuti in linea con i rispettivi interessi.

Analizza il tasso di apertura delle mail (numero di mail aperte/numero di mail inviate), la percentuale di click nel link interno alle mail (numero di click/numero di mail aperte), il tasso di rimbalzo (numero di mail respinte/numero di mail inviate), il tasso di disiscrizione dalla newsletter (numero di cancellazioni/numero di mail inviate).

Conversione

L’ultimo step è la conversione finale del lead in cliente, conducendolo alla fine del funnel con l’acquisto del tuo prodotto/servizio.

Dopo aver offerto gratuitamente i tuoi freebie, invia una mail incentrata sul prodotto o servizio che vuoi vendere al tuo lead, in seguito ad un’attenta segmentazione. Evidenzia il valore del tuo prodotto, la sua unicità e il beneficio che porterà al lead. Inserisci una call to action efficace per canalizzare in modo facile e intuitivo all’acquisto.

Analizza il tasso di conversione (numero di vendite/numero di lead) per capire quanto successo ha avuto la tua campagna di email marketing.

Conclusioni

Sfrutta l’email marketing nel modo giusto per creare una strategia vincente e attrarre nuovi lead interessati al tuo brand e ai tuoi prodotti. Definisci gli obiettivi e profila i tuoi contatti così da inviare campagne email in target con gli interessi del lead e avere maggiori probabilità di fidelizzazione e conversione.