Ti aspettiamo al WordCamp il 22 Ottobre. Riserva il tuo biglietto gratuito!link
Breaking News

VMware rimuoverà schede SD e drive USB dalle opzioni di avvio vSphere

1 minuti lettura
WMware toglie il supporto a schede SD e drive USB
WMware toglie il supporto a schede SD e drive USB

VMware ha già informato gli utenti che non sarà più possibile usare le schede SD e i drive USB come opzioni di avvio vSphere.

Secondo VMware “ESXi Boot configuration with only SD card or USB drive, without any persistent device, is deprecated with vSphere 7 Update 3” e “In the near future, the only supported configuration involving the usage of SD card or USB drives as boot media is a minimum of 8GB SD card or USB drive + Locally attached persistent storage device for ESX-OSData partition”.

In sostanza, non sarà più possibile effettuare l’avvio con scheda SD o drive USB, senza l’utilizzo di uno storage persistente.

vSphere 7.x crea quattro partizioni, in cui solitamente ESX-OSData è la più grande e viene utilizzata per archiviare le configurazioni ESX-ESXi e i dati sullo stato del sistema.
La partizione ESX-OSData riceve quindi molto traffico e questo preoccupa VMware perché le schede SD e i drive USB hanno una resistenza inferiore e mostrano problemi nel tempo. “We are now witnessing boot-related problems more frequently with ESXi 7.x with the hosts using SD cards or USB drives as boot media”, scrive VMware, perché l’azienda ha notato problemi all’avvio di ESXi 7.x con gli host che utilizzano schede SD o unità USB come supporto di avvio.

Le schede SD erano state scelte inizialmente per ridurre i costi di installazione degli host ESXi ma, in realtà, non dovrebbero rappresentare opzioni di archiviazione a livello enterprise perché tendono a degradarsi dopo un certo numero di letture e scritture. D’altro canto, le unità USB possono offrire una migliore affidabilità ma provocare un calo della velocità delle operazioni.
Sembra quindi che il trend sia quello di sacrificare capacità di storage per offrire un servizio più affidabile.

VMware però può ringraziare lo strumento Virtual Machine Desired State Configuration che consente alle VM di riavviarsi in nuove configurazioni senza intervento manuale e in linea con le raccomandazioni della suite di gestione e automazione di vRealize Operations.

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e social media, crede fortemente nell’influenza positiva del digitale e della comunicazione nella vita quotidiana. In Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni più adatte in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT.
Articoli
Articoli correlati
Breaking News

Ti aspettiamo al WordCamp per parlare di WordPress e Security

1 minuti lettura
Siamo felici di annunciarti la nostra partecipazione al WordCamp Italia 2021, l’evento di punta legato al CMS più conosciuto e utilizzato sul…
Breaking News

Let’s Encrypt: qual è l’impatto della scadenza di DST Root CA X3

1 minuti lettura
Il 30 settembre 2021 è scaduto il certificato DST Root CA X3, lasciando molti dispositivi sul web privi di connessione sicura.Da ottobre…
Breaking News

Let’s Encrypt: come generare i certificati tramite DNS

2 minuti lettura
Hai un dominio in Shellrent e vuoi un certificato Let’s Encrypt? Di recente abbiamo pubblicato due plugin per permetterti di generare in…