Security First

Backup: una panoramica delle principali tipologie

3 minuti lettura
Backup: le principali tipologie

La gestione sicura ed efficace dei dati rappresenta un aspetto critico in ambito aziendale. Furti e violazioni possono comportare gravi conseguenze, tra cui interruzioni operative, danni finanziari e alla reputazione dell’azienda stessa.

Pertanto, impostare una solida strategia di backup e ripristino è indispensabile ai fini della business continuity. Ma con così tante soluzioni a disposizione, come scegliere quella giusta? È proprio in quest’ottica che risulta importante conoscere le diverse tipologie di backup, affinché si possa individuare il piano di restore migliore per le proprie esigenze.

Quali sono le tipologie di backup?

Le principali tipologie di backup sono tre: completo, differenziale e incrementale. Si aggiungono altri metodi di copia dei dati, tra cui quello bare metal, a livello di file e di immagine.

Backup Completo (Full Backup)

Il backup completo è come una “fotocopia” del sistema. Questo tipo di backup è essenziale per creare un’istantanea completa dei dati, salvando una copia di tutti i file, cartelle e applicazioni. Sebbene sia completo e fornisca una copia esatta di tutti i dati, può richiedere molto spazio di archiviazione e tempo per essere completato. Di conseguenza, è spesso utilizzato in combinazione con altre tipologie di backup.

Backup Differenziale (Differential Backup)

Il backup differenziale si concentra su tutti i dati che sono stati modificati o aggiunti dall’ultimo backup completo. Ciò significa che, se è stato effettuato un backup completo, il backup differenziale includerà solo i dati che sono stati modificati/aggiunti dalla copia completa. Questo lo rende più veloce dei backup completi e richiede meno spazio di archiviazione, ma non è sufficiente per un ripristino completo del sistema.

Backup Incrementale (Incremental Backup)

L’incremental backup si concentra solo sui dati che sono stati modificati o creati dall’ultimo backup, indipendentemente dal tipo di backup precedente. Questo lo rende il metodo di backup più efficiente in termini di spazio di archiviazione, ma può richiedere più tempo per ripristinare i dati, poiché è necessario eseguire l’ultimo backup completo e quindi tutti i backup incrementali successivi.

Se è necessario eseguire backup frequenti e non si dispone di molto spazio di archiviazione, i backup incrementali sono una buona soluzione. Per ottenere un ripristino veloce dei dati, i backup differenziali rappresentano invece la via migliore.

Backup di file

Il backup a livello di file si concentra esclusivamente sulla copia dei file e delle cartelle indicate dall’utente. Questo tipo di backup può includere, ad esempio, documenti, immagini e video ed è ampiamente utilizzato per il recupero di file specifici che sono stati accidentalmente cancellati, persi o danneggiati. Il backup a livello di file è efficiente in termini di spazio di archiviazione ed è ideale per il ripristino selettivo dei dati, non consentendo di ripristinare l’intero sistema o le impostazioni di configurazione.

Backup di immagine

Il backup di immagine cattura l’immagine completa di un’intera unità o partizione, inclusi il sistema operativo, le impostazioni, le applicazioni, i file e le cartelle. L’approccio è simile al backup bare metal, che vedremo di seguito, ma prevede più flessibilità.

È utilizzato quando si desidera creare un’istantanea completa di un sistema per il ripristino in caso di problemi ed è ideale per clonare un sistema su un’altra macchina o per il ripristino di un’immagine in un ambiente virtualizzato.

Backup bare metal

Il backup bare metal crea una copia completa di un’intera macchina o server, compresi il sistema operativo, le applicazioni, i dati e tutte le impostazioni di configurazione.

Questo tipo di backup è spesso utilizzato quando si vuole essere in grado di ripristinare un’intera macchina in modo rapido e completo in caso di guasti hardware o problematiche critiche. Fornisce una riproduzione coerente dell’intero sistema, consentendo di ripristinare rapidamente l’ambiente completo.

Il backup bare metal richiede spazio di archiviazione significativo ed ilo ripristino è meno rapido rispetto ad altri tipi di backup a causa delle dimensioni dei dati coinvolti.

In conclusione

La scelta della tipologia di backup dipende dalle esigenze specifiche dell’azienda, dalla quantità di dati da gestire e dai requisiti di ripristino. Spesso, una combinazione di diverse tipologie di backup è la soluzione migliore per garantire la protezione completa dei dati aziendali. E, di conseguenza, la scelta dei giusti strumenti per implementare le tipologie di backup può variare a seconda delle necessità. Qui entra in gioco Veeam, che offre un software completo per strutturare una politica di backup e disaster recovery affidabile, granulare e scalabile.

Avatar photo
429 articoli

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e amante della comunicazione digitale, in Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni ideali in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT
Articoli
Articoli correlati
Security First

Come nascondere la versione di Nginx e Apache su Linux e Unix

4 minuti lettura
Stai usando Nginx o Apache sul tuo server web? Presta attenzione alla versione del software, verificando che non sia visibile negli header…
Security First

Attacco DDoS: cos'è e come prevenirlo

2 minuti lettura
Gli attacchi DDoS, acronimo di Distributed Denial-of-Service, rappresentano una seria minaccia. Questa tipologia di attacco ha l’obiettivo di sopraffare un server, una…
Security First

Violazioni dati sul cloud: come Veeam può proteggerli

2 minuti lettura
I dati aziendali archiviati in cloud sono diventati i bersagli preferiti degli hacker, costringendo le aziende a investire cifre record per adottare…