Ti aspettiamo anche sul nostro sito!link
Security First

Disaster Recovery: proteggi i dati con la regola 3-2-1 backup

5 minuti lettura
Efficace strategia di backup e disaster recovery

Come creare un piano di Disaster Recovery efficace

La regola del 3-2-1 backup si inserisce nella strategia ottimale per mantenere i dati al sicuro: non basta più il solo backup. Da dopo Strasburgo, con il caso OVH, impariamo la necessità di adottare una strategia di backup completa e ben strutturata per affrontare scenari di disastro in modo efficace.
La regola del 3-2-1 backup è applicabile a tutti i tipi di ambienti, fisici o virtuali, e a tutti i tipi di dati, personali e aziendali. Si dovrebbe:

  • Possedere almeno 3 copie dei dati: avere più copie di backup riduce il rischio di perdere i dati in caso di disastro, specialmente per progetti in cui i dati rivestono un’importanza critica.
  • Conservare le copie su 2 supporti diversi: è consigliabile salvare le copie su diverse tipologie di storage per prevenire disastri in caso di guasti ai dispositivi.
  • Conservare 1 copia di backup off-site: fondamentale anche la separazione fisica tra le copie dei dati, conservando il dispositivo di storage esterno in un luogo diverso da quello di produzione.

Un buon piano di Disaster Recovery dovrebbe riuscire a garantire la business continuity, salvaguardando i dati anche in caso di eventi non prevedibili. Possiamo definire il backup come l’inizio di una strategia di DR, due facce della stessa medaglia: se con il termine backup facciamo riferimento alla copia dei dati, con il termine Disaster Recovery indichiamo il piano strategico per recuperare i dati.

L’incendio scoppiato a inizio marzo nel datacenter di OVH ha evidenziato che, per quanto la tecnologia sia affidabile e in continua evoluzione, l’imprevisto è sempre dietro l’angolo e può distruggere anche le infrastrutture più sicure ed è per questo che una politica seria di backup si basa sul concetto di 3-2-1. Le aziende e i privati che gestivano i loro backup tramite questa regola hanno sperimentato disservizi ma sono stati in grado di recuperare tutte le informazioni e i dati, poiché erano replicati su altre infrastrutture. Ecco perché l’ambiente di recovery deve riflettere quello di produzione e, per questo, necessita di un’infrastruttura correttamente replicata.

Il nostro sistema genera un backup automatico del tuo sito ogni settimana, con possibilità di backup giornaliero. Seguendo la regola del 3-2-1 backup, per attivare un piano di Disaster Recovery serve integrare il backup con altre soluzioni.

Disaster Recovery: le soluzioni per gestire al meglio i backup

Cloud Storage

Il Cloud Storage è un ambiente cloud separato e dislocato geograficamente in un altro Datacenter, per garantire la continuità del servizio e disporre di un backup sempre pronto all’uso. L’attivazione di questo servizio rende possibile anche il ripristino di un singolo file, senza dover effettuare il restore di tutti i contenuti. Sarà possibile settare una Data Retention personalizzata, ossia un parametro che indica il tempo di mantenimento del backup.
Grazie ad uno script creato appositamente, tutto il contenuto del tuo servizio principale verrà trasferito al cloud storage.

Quali sono i punti di forza?

  • Accesso alla macchina via FTP/NFS/SMB o client web integrato al suo interno
  • Dati protetti, sicuri e ridondati dislocati su altro Datacenter
  • Download & Upload di file ad alta velocità
  • Upgrade dello spazio in pochi secondi, direttamente da pannello Manager
  • Accesso da qualsiasi device
  • Gestione di utenti e accessi multipli
  • Synchronization Client da desktop a cloud storage tramite client dedicato (NextCloud interfaccia grafica)
  • Accesso tramite interfaccia File explorer integrato a pannello Manager e accessibile sia da browser che da mobile.

Veeam

Affidarsi al sistema di backup in cloud della piattaforma Veeam, leader nelle soluzioni di replica, aiuta a migliorare l’efficienza aziendale e le politiche di DR, garantendo maggiore sicurezza per l’intera infrastruttura IT che sarà in grado di rispondere rapidamente agli imprevisti.
Installata su un server con O.S. Windows, la struttura Veeam risulta autonoma ed esterna alla macchina principale: nell’eventualità che il server principale fosse offline, la consolle Veeam resterebbe comunque online, assicurando il ripristino dei backup in maniera indipendente dallo status della macchina principale.

Quali sono i punti di forza?

  • Backup retention personalizzabile
  • Console di gestione proprietaria tramite cui effettuare il ripristino
  • Monitoraggio continuo delle performance e dell’infrastruttura di backup
  • Recovery garantita di ogni file, applicazione o server virtuale grazie a job automatici di ripristino
  • Ripristino rapido dei file, dei DB e delle VM da ogni workload o workstation

Le due opzioni Veeam adatte a backup e DR sono Veeam Cloud Connect e Veeam Managed Backup.

Affidarsi al sistema di backup in cloud della piattaforma Veeam, leader nelle soluzioni di replica, aiuta a migliorare l’efficienza aziendale e le politiche di DR, garantendo maggiore sicurezza per l’intera infrastruttura IT che sarà in grado di rispondere rapidamente agli imprevisti.

Installata su un server con O.S. Windows, la struttura Veeam risulta autonoma ed esterna alla macchina principale: nell’eventualità che il server principale fosse offline, la consolle Veeam resterebbe comunque online, assicurando il ripristino dei backup in maniera indipendente dallo status della macchina principale.

Quali sono i punti di forza?

  • Backup retention personalizzabile
  • Console di gestione proprietaria tramite cui effettuare il ripristino
  • Monitoraggio continuo delle performance e dell’infrastruttura di backup
  • Recovery garantita di ogni file, applicazione o server virtuale grazie a job automatici di ripristino
  • Ripristino rapido dei file, dei DB e delle VM da ogni workload o workstation

Le due opzioni Veeam adatte a backup e DR sono Veeam Cloud Connect e Veeam Managed Backup.

Veeam Cloud Connect

Se hai già una soluzione di backup basata su Veeam, puoi rispettare facilmente la regola 3-2-1 aggiungendo un backup remoto tramite Veeam Cloud Connect, scegliendo Shellrent come destinazione.

Come funziona Veeam Cloud Connect? Se hai dei server e una soluzione di backup Veeam, ad esempio 2 server dedicati hypervisor in casa che fanno il backup su un NAS (situazione 2-1-0), con il nostro servizio, perfettamente integrato, puoi aggiungere una copia automatica del backup nel nostro spazio nel cloud, aggiungendo 1 copia di backup (3-1-0), su una tecnologia diversa (3-2-0), in uno spazio off-site (3-2-1: vittoria!). Soluzioni da 50 GB a 5.000 GB.
Con Veeam Cloud Connect avrai:

  • Accesso Veeam Cloud Connect per replicare le tue istanze virtuali con il sistema criptato Cloud Connect
  • Restore immediato grazie al sistema WAN Accelerator incluso
  • Dati replicati e sicuri
  • Download e upload di file ad alta velocità
  • Gestione dei privilegi d’accesso e delle utenze, partizionando le quote di spazio
  • Storage ridondato
  • Backup affidabili e sempre disponibili al ripristino

Veeam Managed Backup

Con la soluzione Veeam Managed Backup affidaci l’organizzazione delle tue strategie di backup, realizzata basandoci sulle tue reali esigenze per farti lavorare in serenità. Avrai sempre la possibilità di ripristinare comodamente i tuoi dati quando necessario grazie a Veeam Agent, per soddisfare anche le infrastrutture più complesse.  Soluzioni da 50 GB a 5.000 GB.

Con Veeam Managed Backup avrai:

  • Gestione Full Managed: organizziamo la schedulazione e il mantenimento dei backup
  • Semplicità di ripristino file, semplicemente installando sul pc o sul server Veeam Agent
  • Restore immediato grazie al sistema WAN Accelerator incluso
  • Dati replicati e sicuri
  • Download e upload di file ad alta velocità
  • Gestione dei privilegi d’accesso e delle utenze, partizionando le quote di spazio
  • Storage ridondato
  • Backup affidabili e sempre disponibili al ripristino

Per utilizzare Veeam Cloud Connect è necessario abbinare una licenza Veeam che invece non serve per Veeam Managed Backup, in cui basta installare un Agent Free sul tuo cloud Windows.

Il nostro team ha ottenuto tutte le certificazioni necessarie per fornire massimo supporto: contattaci e saremo pronti a consigliarti la soluzione ottimale per il tuo Disaster Recovery plan!

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e social media, crede fortemente nell’influenza positiva del digitale e della comunicazione nella vita quotidiana. In Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni più adatte in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT.
Articoli
Articoli correlati
Security First

IoT: la rivoluzione delle nuove tecnologie

1 minuti lettura
Come l’Internet of Things (IoT) sta cambiando le nostre case, luoghi di lavoro e stili di vita? Il termine IoT fa riferimento…
Security First

Data Breach: le 5 peggiori falle di sicurezza del 2020

2 minuti lettura
I dati sono sempre più al centro dell’interesse del cyber-crime, che si tratti di informazioni sensibili sottratte, attacchi ransomware o configurazioni errate….
Security First

È possibile rendere Internet un posto sicuro? Cosa ci insegna il Safer Internet Day

1 minuti lettura
“Together for a better Internet”: è lo slogan del Safer Internet Day (SID) che oggi ci invita a rendere Internet un posto…