Ti aspettiamo anche sul nostro sito!link
E-commerce

Come scegliere la giusta struttura per un e-commerce

3 minuti lettura
Come scegliere la giusta struttura per un ecommerce

Risorse hardware, monitoraggio, aggiornamento e backup: che elementi considerare per offrire una struttura performante e sicura al tuo negozio online?

Partire con il piede giusto: Business Plan

Così come un negozio fisico, anche per un negozio virtuale è necessario porsi alcune domande preliminari che ti aiuteranno a parametrare e definire meglio il tuo progetto. Puoi ad esempio chiederti:

  • Quale sarà l’affluenza dell’e-commerce? L’e-commerce è nuovo o ha già una base clienti? Il brand è nuovo e dovrà farsi spazio nel mercato o è conosciuto?
  • Quanto magazzino (storage) dovrò avere?
  • Che rapporto avrò con i miei clienti? Se sono chiuso (sono offline) torneranno domani o andranno dal competitor?
  • Quanto sono disposto ad investire inizialmente? Apro il negozio in 50 mq o 400 mq? Cambiare la struttura di un e-commerce porterà sempre un lavoro da fare e un minimo disservizio per i clienti quindi è fondamentale avere una visione di lungo periodo.

Risorse hardware: condivise o dedicate?

Una domanda che si pongono i molti riguarda l’utilizzo di risorse condivise, come il nostro piano hosting linux Enterprise perfetto per l’e-commerce, o dedicate come i nostri Cloud Server. Per definire al meglio le risorse dovrai pensare a quante visite contemporanee dovrà gestire il server e di quanta memoria necessità una visita sull’e-commerce.

Risorse condivise: pro e contro

Pro delle risorse condivise:

  • Minore spesa
  • Più risorse a disposizione in caso di picchi, per poterli gestire al meglio

Contro delle risorse condivise:

  • Possibilità limitate nella scelta di configurazioni del server
  • Rischio di essere spostati verso un’altra infrastruttura, modificando l’indirizzo IP
  • Rischio di un servizio rallentato a causa di danni provocati dai vicini ossia da servizi nelle stesse risorse condivise

Risorse dedicate: pro e contro

Pro delle risorse dedicate:

  • Ovviamente, risorse dedicate a tuo uso esclusivo
  • IP assegnato staticamente
  • Piena personalizzazione del server, demoni e configurazioni
  • Possibilità di scegliere in autonomia le politiche di backup e di sicurezza che più si adattano al tuo progetto, senza dover sottostare agli obblighi del fornitore come invece avviene nelle risorse condivise.

Contro delle risorse dedicate:

  • Investimento iniziale maggiore rispetto alle risorse condivise
  • Gestione autonoma del sistema operativo e dei demoni, con aggiornamenti, tuning e monitoraggio

Come costruire un web server?

I server e i CMS sono realtà dinamiche, ossia cambiano anche senza “aver toccato nulla”.
In fase di realizzazione ti chiederai è meglio scegliere Apache o Nginx? MySQL o MariaDB? Il nostro consiglio è di verificare le raccomandazioni del CMS.

Un’altra domanda che sicuramente ti porrai: meglio configurare a mano o utilizzare pannelli di automazione? Noi ti consigliamo Plesk, un pannello di automation preconfigurato e personalizzabile che ti aiuta a gestire tutto in modo semplice e intuitivo.

Monitoraggio e aggiornamento

Aumento delle visite, aggiornamenti del CMS, campagne e operazioni particolari: è fondamentale monitorare la situazione e prevedere le necessità future grazie a sistemi di monitoraggio come Advanced Monitoring di Plesk o come il nostro servizio Active Monitoring.
Ti consigliamo infatti di prevedere delle notifiche automatiche via mail che ti avvisino in caso di picchi e ti aiutino a tenere la situazione sotto controllo.

Oltre al monitoraggio, un’attività di rilievo è l’aggiornamento: infatti, il sistema operativo, i demoni e il CMS richiedono aggiornamenti continui per offrire ottime sicurezza, prestazioni e funzionalità.
Il nostro consiglio è di eseguire sempre uno snapshot prima di procedere con gli aggiornamenti.

Backup e Disaster Recovery

Parliamo spesso dell’importanza di una strategia di backup e disaster recovery per proteggere i dati da eventi imprevisti.

RPO (Recovery Point Objective) misura la quantità massima di dati che il sistema può perdere a causa di un improvviso guasto mentre RTO (Recovery Time Objective) è il tempo necessario per il recupero completo dell’operatività.

Ad esempio, se torni online in 3 giorni, quanto fatturato perdi? E, se fossimo in periodo natalizio o in pieno black friday? Ecco i nostri consigli per una strategia di backup e disaster recovery efficace:

  • Replica del database off-site
  • Backup frequenti su datacenter differenti
  • Strutture replicate e bilanciate su più nodi e più datacenter

Contattaci per essere seguito da un nostro consulente che ti affiancherà nella scelta della struttura migliore per il tuo progetto web!

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e social media, crede fortemente nell’influenza positiva del digitale e della comunicazione nella vita quotidiana. In Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni più adatte in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT.
Articoli
Articoli correlati
E-commerce

10 moduli PrestaShop per migliorare un e-commerce

3 minuti lettura
Quali sono i migliori PrestaShop Addons? PrestaShop è tra le piattaforme e-commerce più dinamiche e potenti che riesce a presentare numerosi moduli…
E-commerce

I vantaggi di PrestaShop per un e-commerce

2 minuti lettura
Perché realizzare un e-commerce utilizzando PrestaShop? Per aprire un e-commerce vincente devi curare tutto nel dettaglio, affidandoti innanzitutto ad un piano web…
E-commerce

Test velocità sito web: 5 tool per misurare le performance

2 minuti lettura
Che strumenti utilizzare per misurare la velocità del sito web? Il 40% dei visitatori abbandona un sito che impiega più di 3…