Security First

SSL: come capire se un sito web è sicuro

4 minuti lettura
SSL: come capire se un sito web è sicuro?

La sicurezza in rete è sempre più importante, soprattutto alla luce dell’enorme quantità di dati sensibili che trasmettiamo online. Per questo motivo, dal 2018, Google ha iniziato a etichettare come “non sicuri” i siti web sprovvisti di certificati SSL.

Un sito web senza protocollo HTTPS può instillare poca fiducia negli utenti e può esporsi anche a sanzioni da parte del Garante della Privacy. Infatti, di recente l’autorità ha comminato un’ammenda a un’azienda che non aveva applicato il protocollo sicuro HTTPS, non fornendo così adeguata protezione ai dati degli utenti.

Quali sono le differenze tra HTTP e HTTPS?

L’acronimo HTTP significa Hypertext Transfer Protocol e riguarda il protocollo che permette il trasferimento di informazioni. HTTPS aggiunge Secure, indicando che il trasferimento dei dati tra client e server è criptato, proteggendoli da intercettazioni da parte di terzi. 

Garantire la protezione dei tuoi dati e di quelli degli utenti è fondamentale: devi tener conto che le persone che decidono di registrarsi o fare un acquisto sul tuo sito, ti affidano i loro dati. Una conseguenza diretta è il danno alla reputazione. Gli utenti non sono propensi a considerare affidabile chi non si adopera abbastanza per la protezione dei loro dati. Inoltre, atterrando su un sito web non sicuro, cercheranno altrove le informazioni desiderate. E ciò significa che consulteranno le pagine dei competitor.

La mancanza di un certificato SSL si riflette anche sul posizionamento SEO. Google, infatti, non vede di buon occhio e non premia in SERP i siti web che non applicano il protocollo HTTPS e avvisa i visitatori del potenziale pericolo con la dicitura “non sicuro” nella barra degli indirizzi.
La mancanza di un certificato SSL porta gli utenti a diffidare dal sito web in questione. Per un e-commerce le conseguenze sarebbero tutt’altro che irrilevanti.

Come capire se un sito web è sicuro

É importante imparare a riconoscere i siti web sicuri da quelli non sicuri.

Il primo passo per capire se un sito web è sicuro è controllare l’URL. Se inizia con https:// significa che il sito utilizza il protocollo che cripta le informazioni trasmesse tra il browser e il server, rendendole inaccessibili a terzi.

Un altro modo per verificare la sicurezza di un sito web è controllare la presenza del simbolo del lucchetto nella barra degli indirizzi del browser. Tuttavia, questo non è più previsto su Google Chrome, che nel 2023 ha cambiato la visualizzazione sostituendo il lucchetto con un’altra icona.

Quale certificato SSL scegliere?

La scelta del certificato SSL può essere fatta tra diverse opzioni, comprendendo la necessità di affidarsi a un certificato gratuito o a pagamento. Shellrent, ad esempio, assicura sia il gratuito Let’s Encrypt, sia SSL a pagamento.

certificati SSL Let’s Encrypt sono forniti da un’autorità no profit e hanno validità di 90 giorni: offrono il protocollo HTTPS al tuo sito, ma non forniscono una protezione completa in quanto non è previsto alcun tipo di validazione o controlli della proprietà del dominio.

I certificati SSL a pagamento sono preferibili specialmente quando si tratta di e-commerce o comunque siti web che prevedono transazioni perché l’autenticazione avviene con la validazione del dominio o dell’azienda stessa.

I primi rientrano tra i certificati Domain Validation (DV), che prevedono quindi la validazione del sito web sul quale verranno applicati. I secondi vengono invece inseriti nella categoria Extended Validation (EV), il cui processo di convalida passa attraverso l’autenticazione dell’azienda a cui il dominio è collegato.

Verificare se il tuo sito web è al sicuro

Anche se seguirai le best practices più adottate per proteggere il tuo sito, questo non sarà completamente al sicuro. Infatti, le minacce si evolvono continuamente e devi sempre monitorarle.

Alcuni passaggi, come quelli che ti mostreremo di seguito, ti aiuteranno ad accrescere il grado di sicurezza del tuo sito, respingendo la maggior parte degli attacchi.

Scansione antivirus

Per prima cosa, effettua una scansione del tuo sito web con appositi plugin. Utilizza dei servizi che siano in grado di scavare in profondità nel tuo codice e trovare eventuali vulnerabilità o malware. Il vantaggio di questi strumenti è la possibilità di poter identificare e rimuovere con facilità queste minacce.

Shellrent, in quest’ottica, offre uno strumento ad hoc che permette di effettuare una scansione antivirus al giorno, avviando la procedura direttamente dal pannello di controllo Manager. In caso di rilevazione malware, puoi procedere in autonomia con la pulizia del sito web o affidarti ai nostri webmaster. Offriamo anche una soluzione avanzata, Protezione Antivirus Real Time, che effettua scansioni automatiche ogni qualvolta vi siano modifiche o nuovi file.

Scegli una password complessa

Per una maggiore protezione, utilizza una password complessa e diversa per ogni tuo account. Questa azione rende molto più difficile l’accesso al tuo sito da parte di hacker malintenzionati. Utilizza una serie di lettere maiuscole e minuscole, simboli e numeri. Non basarti su dati personali o parole troppo semplici.
Per rendere più semplice questo passaggio, ti consigliamo di affidarti a un gestore di password che ti aiuterà a creare una parola d’ordine poco vulnerabile.

Scegli un hosting sicuro

Scegliere un hosting che includa le giuste caratteristiche e gli strumenti adatti a implementare un’adeguata strategia di sicurezza. Scansioni, certificati SSL, firewall, backup: valuta i servizi che meglio rispondano alle tue esigenze.

I piani Hosting di Shellrent includono di default il backup settimanale. Per una più completa strategia, hai la possibilità di attivare il backup giornaliero, mensile e First Save. Inoltre, avanziamo una soluzione innovativa e ridondata, Disaster Recovery. Grazie a questo servizio, le copie di dati e file verranno archiviate in Cloud Storage localizzati in due diversi datacenter.

Avatar photo
429 articoli

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e amante della comunicazione digitale, in Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni ideali in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT
Articoli
Articoli correlati
Security First

Come nascondere la versione di Nginx e Apache su Linux e Unix

4 minuti lettura
Stai usando Nginx o Apache sul tuo server web? Presta attenzione alla versione del software, verificando che non sia visibile negli header…
Security First

Attacco DDoS: cos'è e come prevenirlo

2 minuti lettura
Gli attacchi DDoS, acronimo di Distributed Denial-of-Service, rappresentano una seria minaccia. Questa tipologia di attacco ha l’obiettivo di sopraffare un server, una…
Security First

Violazioni dati sul cloud: come Veeam può proteggerli

2 minuti lettura
I dati aziendali archiviati in cloud sono diventati i bersagli preferiti degli hacker, costringendo le aziende a investire cifre record per adottare…