Breaking News

SpamCop: problema di ricezione e-mail

1 minuti lettura
SpamCop problema ricezione e mail NEWS
SpamCop problema ricezione e mail NEWS

Il servizio anti-spam di Cisco, SpamCop, domenica ha subito un’interruzione dopo che un suo dominio è stato erroneamente lasciato scadere.

SpamCop fornisce una blacklist (Real-time Blackhole List, RBL) in tempo reale che i server di posta possono utilizzare per determinare se la posta in arrivo debba essere contrassegnata come spam.
I server mail che utilizzano il servizio SpamCop RBL eseguono una ricerca DNS dell’indirizzo IP di un server di posta, verificando se è noto per essere utilizzato per lo spam.

Come funziona?

Il server esegue una ricerca DNS di [reverse_ip].bl.spamcop.net e, se il servizio SpamCop restituisce un risultato, il server di posta in uscita viene considerato un inoltro di spam: di conseguenza, l’e-mail viene rifiutata. Se non viene restituita alcuna risposta, il server della posta in arrivo riceverà l’e-mail.

Cos’è successo?

Nei giorni scorsi sembra che SpamCop abbia lasciato scadere il proprio dominio rimanendo in “parking”, una sorta di lista d’attesa prima che si proceda al rinnovo del dominio. Questo ha causato problemi di verifica sulle blacklist e conseguenti problemi di consegna delle e-mail anche nei server di Google.

Intorno alle 13:00 EST, Cisco ha rinnovato il dominio smapcop.net ma alcuni amministratori di posta riferiscono di continuare a vedere problemi con il blocco della posta in arrivo.

Per risolvere la situazione, lunedì abbiamo disabilitato la blacklist e quindi l’uso di SpamCop, ma alcune e-mail durante il weekend sono state improvvisamente classificate come spam e, di conseguenza, non sono state consegnate.
Il dominio è stato poi riacquistato e il servizio è in recupero. Per sicurezza abbiamo quindi deciso di riattivare SpamCop solo tra alcuni giorni.

Foto Manager Elena Parise
93 articoli

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e social media, crede fortemente nell’influenza positiva del digitale e della comunicazione nella vita quotidiana. In Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni più adatte in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT.
Articoli
Articoli correlati
Breaking News

Un aggiornamento di CrowdStrike ha bloccato i sistemi Windows

1 minuti lettura
Un aggiornamento rilasciato da CrowdStrike ha causato un’interruzione informatica su scala mondiale e mandato in crash i sistemi Windows nei computer in…
Breaking News

Cybersecurity: NIS 2 punto di svolta?

2 minuti lettura
La Direttiva NIS 2, entrata in vigore il 17 gennaio 2023, segna un punto di svolta nell’approccio dell’Unione Europea alla sicurezza informatica….
Breaking News

PHP 7.4 ha raggiunto l'end of life

1 minuti lettura
Lunedì 28 novembre 2022, PHP 7.4 ha raggiunto l’end of life. Ciò significa che non riceverà più alcun supporto o aggiornamento. Contestualmente…