Hosting & Cloud

É possibile creare un sito web senza database?

4 minuti lettura
É possibile creare un sito web senza database?

Nel mondo dello sviluppo web, esistono diverse soluzioni per realizzare progetti online, da siti web aziendali, e-commerce fino ai blog. Quella più percorribile, soprattutto per chi non ha dimestichezza con i linguaggi di programmazione, corrisponde all’adozione di un content management system (CMS). Il più scelto è WordPress, ma il panorama del web offre alternative valide quali Joomla, Drupal e PrestaShop.

Tuttavia, coloro che possiedono competenze specifiche in fatto di programmazione possono utilizzare HTML e CSS senza la necessità di affidare contenuti e dati a un database.

Cos’è un database e quando può non servire

Un database è un sistema che consente di memorizzare, organizzare e conservare dati in modo efficiente. Sebbene sia fondamentale per molte applicazioni web dinamiche e complesse, pensiamo ad esempio agli e-commerce o ai siti aziendali strutturati, potresti non averne bisogno per un sito web statico, o comunque semplice.

Per quali siti web è possibile non utilizzare un database?

Siti web informativi. Se intendi creare una pagina statica di presentazione, ove condividere informazioni di contatto, è possibile farlo senza un database.

Siti web statici. Si parla di pagine web statiche quando non vengono sottoposte frequentemente a modifiche e non richiedono interazioni complesse. In questo caso, puoi utilizzare HTML e CSS per costruire il tuo sito.

Siti web prototipo. Quando sei in fase di progettazione o creazione di un sito web, puoi iniziare senza un database e fare tutte le prove che desideri.

Linguaggi chiave per creare siti web senza database

Per creare un sito web senza database, i linguaggi che dovresti conoscere sono: HTML e CSS.

HTML

HyperText Markup Language è il linguaggio di base per la creazione di pagine web. Consente di strutturare il contenuto, definire titoli, paragrafi, liste, collegamenti e immagini.

Una pagina HTML inizia con il tag <html> e si suddivide in due sezioni principali: <head> e <body>. La sezione <head> ospita i metadati, come il titolo della pagina e collegamenti a fogli di stile CSS e script JavaScript. La sezione <body> contiene il contenuto effettivo della pagina, come testo, immagini, collegamenti e altri elementi.

Un esempio di pagina statica informativa:

<!DOCTYPE html>
<html lang="it">
<head>
    <meta charset="UTF-8">
    <meta name="viewport" content="width=device-width, initial-scale=1.0">
    <title>La mia pagina HTML</title>
    <link rel="stylesheet" href="style.css">
</head>
<body>
    <header>
        <h1>Benvenuti nella pagina</h1>
        <nav>
            <ul>
                <li><a href="#">Home</a></li>
                <li><a href="#">Chi Siamo</a></li>
                <li><a href="#">Servizi</a></li>
                <li><a href="#">Contattaci</a></li>
            </ul>
        </nav>
    </header>
    <main>
        <section>
            <h2>Benvenuti nel nostro sito web</h2>
            <p>Questo è un esempio di una semplice pagina web creata in HTML</p>
        </section>
        <section>
            <h2>Chi Siamo</h2>
            <p>Descrizione e storia dell'azienda</p>
        </section>
    </main>
    <footer>
        <p>&copy; 2023 Tutti i diritti riservati</p>
    </footer>
</body>
</html>

CSS

Cascading Style Sheets è il linguaggio utilizzato per definire il layout, la formattazione e lo stile di un sito. In sostanza, consente di definire elementi quali i colori, le dimensioni dei caratteri, il layout e il posizionamento degli elementi all’interno di una pagina web.

Ecco un esempio di CSS:

/* Stile per il corpo della pagina */
body {
    font-family: Arial, sans-serif;
    background-color: #f2f2f2;
    margin: 0;
    padding: 0;
}

/* Stile per l'intestazione (header) */
header {
    background-color: #333;
    color: white;
    padding: 20px;
    text-align: center;
}

/* Stile per i titoli di primo livello (h1) */
h1 {
    font-size: 36px;
    margin-top: 40px;
}

/* Stile per i paragrafi (p) */
p {
    font-size: 18px;
    line-height: 1.5;
    margin-bottom: 20px;
}

/* Stile per i collegamenti (a) */
a {
    color: #007bff;
    text-decoration: none;
}

/* Cambia il colore dei collegamenti quando si passa il mouse sopra di essi */
a:hover {
    color: #0056b3;
}

Questo CSS definisce:

  • uno stile per il corpo della pagina (body) impostando il tipo di carattere, il colore di sfondo, i margini e l’uso padding.
  • Il colore dello sfondo e del testo dell’header, il padding e l’allineamento del testo (in questo caso accentrato).
  • Lo stile dell’H1, ovvero del titolo.
  • La dimensione del carattere dei paragrafi e lo spazio tra una riga e l’altra.
  • Il colore dei collegamenti e quello che viene mostrato al passaggio del mouse.

Come creare un sito web senza database

Per creare un sito web senza database utilizzando HTML e CSS, occorre seguire principalmente 5 step.

  1. Pianificazione. Prima di iniziare, definisci l’obiettivo del tuo sito web e cosa vuoi comunicare. Pensa alla struttura delle pagine e quali contenuti includere.
  2. Scrittura di codice HTML. Utilizza un editor di testo, come Notepad o Visual Studio Code, per scrivere il codice HTML per le tue pagine web.
  3. Utilizzo di CSS. Usa il CSS per definire stili, ad esempio colori, font-size, background color e altro ancora.
  4. Testing. Testa il tuo sito web con diversi browser e dispositivi per assicurarti che venga visualizzato correttamente.
  5. Pubblicazione. Acquista un piano hosting affinché le tue pagine web siano visibili online. Per progetti di natura statica i nostri piani Basic e Standard calzano a pennello.

Se hai la necessità di apportare delle modifiche, ti basterà modificare i file HTML e CSS e caricarli nuovamente sul tuo hosting.

In conclusione

HTML e CSS consentono di creare siti web statici efficaci. Tuttavia, è importante sottolineare come i siti statici potrebbero non essere adatti a ospitare funzionalità avanzate, quali contenuti dinamici o l’elaborazione dei dati in tempo reale.

Ricorda dunque che, se il tuo progetto cresce o richiede funzionalità più complesse, potresti dover considerare l’introduzione di un database.

Avatar photo
433 articoli

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e amante della comunicazione digitale, in Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni ideali in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT
Articoli
Articoli correlati
Hosting & Cloud

La differenza tra cloud pubblico e privato

2 minuti lettura
Il cloud computing, nel corso dell’ultima decade, ha vissuto una crescita dirompente, trasformando radicalmente il panorama IT. La sua diffusione è dovuta…
Hosting & Cloud

La differenza tra dischi NVMe, SSD e SATA

3 minuti lettura
Uno dei fattori che può influenzare la scelta di un server è senz’altro la velocità di lettura e di scrittura dei dati,…
Hosting & Cloud

Come monitorare lo stato di un server

3 minuti lettura
Immagina il tuo sito web oberato da un traffico inaspettato, oppure il tuo software gestionale in panne nel bel mezzo di un…