Scopri HOLIDEALS, il Black Friday dell'estate, con sconti dal 40 al 100% per tutto il mese di agosto!link

Digital Marketing

5 workflow di email marketing automation che non possono mancare

2 minuti lettura
Migliori workflow di email marketing automation

L’automazione ha aperto gli orizzonti verso un nuovo paradigma di email marketing. In passato si lavorava in ottica one-shot ma l’automazione via mail ha reso possibile velocizzare i processi e colpire i clienti in modo mirato in base al punto in cui si trovano nel funnel.
Secondo Mailup, l’80% di chi utilizza campagne di automation dichiara una crescita nel numero dei lead e il 77% nel numero di conversioni.

Scopriamo quindi come fare email marketing automation e quali sono le migliori campagne email per intercettare lead e clienti in base al funnel.

Perché è utile fare email marketing automation

È molto più semplice di quanto sembra: grazie all’automazione via mail potrai inviare il contenuto giusto alla persona corretta nel momento migliore. Questo ti aiuterà a fare inbound marketing: i lead, o clienti, che riceveranno la tua email ne saranno contenti perché la stavano inconsciamente aspettando traducendosi in maggiori conversioni e minori disiscrizioni.

Si basa tutto su un trigger, ossia una necessità o un bisogno che il cliente potrebbe avvertire in quello specifico momento e che quindi viene “nutrito” – tale procedimento viene definito lead nurturing.

Ovviamente, l’email marketing automation porterà diversi benefici, ad esempio può essere d’aiuto per:

  • Comprendere meglio i clienti e i loro bisogni, grazie ai feedback e alle reazioni all’email;
  • Risparmiare tempo prezioso grazie all’automazione che permette di creare dei processi ricorrenti;
  • Incrementare le vendite sfruttando tecniche di up-selling e cross-selling;
  • Migliorare la fidelizzazione dei clienti.

Quali sono le migliori automation nell’email marketing?

Di seguito ti suggeriamo 5 tipologie di marketing automation che dovresti assolutamente predisporre all’interno della tua strategia di email marketing.

Email di benvenuto

L’email di onboarding è sicuramente tra quelle fondamentali, un must che ogni azienda dovrebbe implementare. Quando un cliente crea un account personale o si iscrive alla newsletter si può cogliere l’occasione per inviare un’email di benvenuto, introducendo magari contenuti e prodotti popolari che potrebbero risultare interessanti.

Email di buon compleanno

Il giorno del compleanno è l’occasione perfetta per inviare un’email promozionale. Si tratta di un’automazione piuttosto diffusa tra le aziende e ormai i clienti se la aspettano e controlleranno sicuramente la loro casella di posta elettronica.
Di conseguenza, è un’opportunità unica per offrire sconti, regali, contenuti omaggio e molto altro, coinvolgendo il cliente.

Email di avvicinamento cliente inattivo

Non basta trovare nuovi lead e clienti, bisogna anche mantenerli nel tempo. Studiare un workflow per riavvicinare un cliente inattivo è essenziale all’interno di una strategia di marketing.

Solitamente, si procede inviando ai clienti inattivi un’offerta esclusiva, ancora meglio se personalizzata in base alla tipologia di cliente per migliorare l’esperienza dell’utente. Per rendere il messaggio più efficace è consigliabile abbinare un codice sconto o un buono da utilizzare per il prossimo acquisto, così da coinvolgere l’utente e portarlo all’acquisto di un prodotto per lui interessante.

Email basata sui contenuti premium

Un contenuto premium funge da lead magnet: un lead ottiene un contenuto gratuito ed esclusivo in cambio della compilazione di un form. Questo permette di strutturare una strategia di email marketing offrendo contenuti utili per l’utente portandolo verso fasi più avanzate del funnel come la partecipazione ad un evento o l’acquisto di un prodotto.

Email di carrello abbandonato

In caso di e-commerce ti consigliamo di strutturare un’automazione per recuperare i carrelli abbandonati. In sostanza, quando qualcuno aggiunge uno o più articoli al tuo carrello senza però effettuare l’acquisto, puoi strutturare un’automazione che gli ricordi di terminare la procedura, motivandolo a terminare l’acquisto, magari offrendo un codice sconto.

Ovviamente una strategia di marketing automation dovrebbe essere sempre affiancata ad un invio periodico di newsletter in grado di suscitare l’interesse dell’utente, coinvolgendolo attraverso promozioni e novità.
Anche noi inviamo una newsletter al mese con contenuti e offerte esclusive: iscriviti di seguito se vuoi approfittarne!

Autore Elena Parise

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e social media, crede fortemente nell’influenza positiva del digitale e della comunicazione nella vita quotidiana. In Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni più adatte in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT.
Articoli
Articoli correlati
Tool UX: un elenco completo
Digital Marketing

Tool UX: un elenco completo

5 minuti lettura
L’esperienza di navigazione in un sito web incide, anche notevolmente, sul Conversion Rate, diventando un elemento di differenziazione rispetto ai competitor. Vuoi che il…
Customer retention: perché è importante?
Digital Marketing

Customer retention: perché è importante?

4 minuti lettura
Molte aziende, ancora oggi, non attribuiscono il giusto valore alla customer retention, preferendo indirizzare l’attenzione verso le attività di lead generation. Tuttavia,…
10 blog da seguire sulla tecnologia nel 2022
Digital Marketing

10 blog da seguire sulla tecnologia nel 2022

2 minuti lettura
Continuiamo la nostra rubrica sui blog da seguire, concentrandoci sull’ambito tecnologico, da sempre interconnesso a quello informatico. Se vuoi approfondire la lista…