Hosting & Cloud

Come ottimizzare la velocità di un sito web

4 minuti lettura
Come ottimizzare la velocità di un sito web

Un massiccio aumento del traffico o un aumento imprevisto delle transazioni possono compromettere le prestazioni di un sito web, blog ed e-commerce. La velocità del sito, oltre a incidere sul posizionamento SEO nei motori di ricerca, è un fattore determinante nell’esperienza utente.

Non a caso le statistiche parlano chiaro: la maggior parte degli utenti da mobile abbandona una pagina che impiega più di 3 secondi a caricarsi. Questo dato pone in evidenza l’assoluta centralità dell’user experience in un’ottica strategica.

Effettuare regolarmente uno speed test del sito appare quindi essenziale, ma quali strumenti utilizzare per misurare la velocità? Quali suggerimenti per ottimizzare le prestazioni delle pagine web?

Come misurare la velocità di un sito web?

Per iniziare, puoi misurare l’attuale velocità di caricamento del tuo sito web individuando gli elementi che ne rallentano il caricamento. Ci sono molti tool per valutare le performance del sito, ne citiamo due:

Di regola, se uno di questi strumenti indica che la velocità di caricamento è inferiore ai 3 secondi, significa che il tuo sito sta andando nella direzione giusta. Al contrario, puoi indagare sui motivi della lentezza grazie all’ampio ventaglio di informazioni che restituiscono i tool: Google Speed Test e Pingdom non solo offrono una panoramica sulla velocità di caricamento delle pagine web, ma forniscono suggerimenti utili per intervenire e risolvere gli intoppi che ne causano un rallentamento.

Come aumentare la velocità di un sito?

Oggigiorno, la concorrenza è agguerrita ed è fondamentale operare su più fronti per cercare di distinguersi dalla massa. Prendendo in considerazione un e-commerce, la velocità in fase di caricamento consentirà di incrementare il tasso di conversione e generare più lead.

Al contrario, un valore che non rispetta le aspettative degli utenti non solo andrà a influire sulle vendite, ma pregiudicherà nella maggior parte dei casi anche la reputazione complessiva di un’azienda come conseguenza di un’esperienza di acquisto deludente.

Assicurati che l’hosting sia performante

La scelta dell’hosting è fondamentale per la velocità del tuo sito, ti consigliamo di orientarti verso un servizio che possa assicurare performance in linea con le tue esigenze.

L’infrastruttura che ospiterà il tuo sito web o e-commerce ne influenzerà le prestazioni. Il primo passo per scegliere un servizio efficiente è dato dalla tipologia di progetto che si vuol realizzare, considerando in questa fase il quantitativo di contenuti e il traffico che prevedi di gestire.

Per i progetti meno strutturati potrebbe essere sufficiente un servizio di Hosting. In questo senso, l’offerta di Shellrent si sviluppa attorno a quattro piani compatibili con i più utilizzati CMS presenti sul mercato.

Qualora il progetto prevedesse una maggiore complessità, il suggerimento è quello di orientarsi verso soluzioni dedicate e in cloud.

Utilizza una CDN (Content Delivery Network)

Una CDN consente di fornire all’utente contenuti in modo rapido, indipendentemente dalla larghezza di banda o dalla posizione geografica, rendendo il caricamento dei siti più veloce perché pre-salvato (caching) in datacenter dislocati in tutto il mondo. Senza questa rete di distribuzione, i tempi di caricamento sarebbero notevolmente più lunghi per coloro che si trovano a lunga distanza dai server.

Oltre a ciò, i CDN riescono a gestire picchi significativi del traffico web, poiché l’utente visualizzerà i contenuti memorizzati nel server più vicino in modo da ottenere rapidamente le informazioni richieste, e fungono da filtro bloccando le azioni dei malintenzionati che potrebbero compromettere il funzionamento del sito web.

Shellrent, grazie alla partnership con Cloudflare, offre la possibilità di affidarsi alla CDN attivando l’apposita funzione dal pannello Manager.

Mantieni aggiornato il PHP

Tenere aggiornato il linguaggio PHP è un valido aiuto per incrementare la velocità del tuo sito, specialmente se realizzato in WordPress. Le versioni più aggiornate garantiscono maggiore velocità e stabilità, conferendo alle tue pagine un tempo di esecuzione più rapido e un minore uso di memoria.

Ottimizza i contenuti

Una parte importante dell’ottimizzazione di un sito web consiste nell’assicurarsi che contenuti, specialmente quelli multimediali, non comportino un sovraccarico del sito web. Ecco alcune buone pratiche che puoi seguire, anche per non inficiare sulla qualità visiva:

  • ridimensionare correttamente le immagini, cercando di mantenere la dimensione del file inferiore a 70-80 KB. Ogni piattaforma ha consigli diversi per la riduzione delle immagini, quindi è importante verificare quale sia la dimensione ideale a seconda del CMS utilizzato;
  • comprimere le immagini senza perdere la qualità, utilizzando a seconda dei casi uno dei due tipi di compressione: lossy vs lossless;
  • scegliere il formato adeguato;
  • implementare il caricamento lento, ovvero una tecnica di ottimizzazione che si può applicare, ad esempio, per le immagini che sono posizionate nel footer: queste, in sostanza, si caricheranno solamente quando il visitatore scorrerà verso il basso.
  • usare la memorizzazione nella cache, affidandoti agli strumenti che i CMS mettono a disposizione. Con il plugin di WordPress WP Rocket, ad esempio, puoi archiviare i file nella cache del browser o su un server proxy per un accesso più rapido. Questo vale per le immagini, così come per qualsiasi altro contenuto che il visitatore richiede una seconda volta.

Rimuovi temi e plugin non necessari

Un numero elevato di plugin e temi nel tuo backend rischia di rallentare il tuo sito: per evitarlo puoi controllare quale dei plugin causi problemi o, in alternativa, fare una pulizia e tenere solo i plugin essenziali all’attività operativa.

Minimizza il codice CSS

Il codice CSS dona stile alla tua pagina web come font e colori, interagendo con gli elementi HTML. Più il CSS è elevato, maggiore sarà il tempo necessario alla pagina per caricarsi. Ti consigliamo quindi di rimuovere il codice CSS superfluo, stando attento a non “rompere” il tuo sito.

Conclusioni

Questi sono solo alcuni suggerimenti da seguire per mantenere elevate le performance del tuo sito web: è un processo lungo, impegnativo e costate che richiede molte attenzioni ma che è sicuramente vitale per la tua attività.

Se desideri avere un sito web più veloce ed efficiente agisci su due fronti: hosting e applicativo.

Avatar photo
429 articoli

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e amante della comunicazione digitale, in Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni ideali in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT
Articoli
Articoli correlati
Hosting & Cloud

La differenza tra dischi NVMe, SSD e SATA

3 minuti lettura
Uno dei fattori che può influenzare la scelta di un server è senz’altro la velocità di lettura e di scrittura dei dati,…
Hosting & Cloud

Come monitorare lo stato di un server

3 minuti lettura
Immagina il tuo sito web oberato da un traffico inaspettato, oppure il tuo software gestionale in panne nel bel mezzo di un…
Hosting & Cloud

I migliori server di posta per Linux

4 minuti lettura
Immagina un’email che viaggia attraverso una rete di server, come una lettera che attraversa diverse stazioni postali. Ogni server è un checkpoint…