CMS

Aumentare la velocità di un sito WordPress ottimizzando le immagini

3 minuti lettura
Come ottimizzare le immagini per WordPress NEWS
Come ottimizzare le immagini per WordPress NEWS

La velocità di caricamento di un sito web, oltre a essere un fattore che influisce sulla SEO, incide sulla user experience: secondo recenti statistiche, il 90% degli utenti abbandona una pagina che impiega più di 5 secondi a caricarsi.

In una strategia di ottimizzazione per i motori di ricerca, anche le immagini giocano un ruolo fondamentale. Sul lungo periodo, queste saranno sempre in numero maggiore e, se non gestite correttamente, andranno ad appesantire il tuo sito compromettendone la velocità. In questo senso, ottimizzare le immagini rientra in quelle attività che cooperano nel velocizzare un sito web.

Come ottimizzare le immagini in WordPress

Secondo uno studio di Imagify, le immagini possono condizionare per un 50% il tempo di caricamento del sito web: prendersene cura risulta quindi fondamentale. L’ottimizzazione può essere eseguita manualmente o tramite un plugin apposito; il primo metodo permette di essere più indipendenti, il secondo di risparmiare tempo pur senza sacrificarne la qualità.

Ottimizzazione manuale delle immagini

Tra le pratiche maggiormente adottate per ottimizzare manualmente un’immagine, troviamo:

  • Convertire l’immagine nel formato più adatto, in particolare:
    • JPEG: questo formato può prevedere due modalità di compressione, lossy e lossless(con o senza perdita di dati)ed è un buon compromesso se si vuol bilanciare qualità e dimensione.
    • PNG: le immagini sono di qualità superiore ma, ovviamente, presentano anche una dimensione maggiore; questo formato non comporta la perdita di dati.
  • Identificare la dimensione massima dell’immagine sul tuo sito: questo ti eviterà di creare immagini più grandi e potrai ridimensionare l’immagine sulla base di quanto definito.
  • Comprimere il file perché occupi meno spazio attraverso il tool Compress JPEG.

Ottimizzazione delle immagini con plugin e software

Se vuoi bypassare l’attività manuale, puoi affidarti a dei plugin di WordPress che ottimizzeranno in modo automatico le immagini. Il nostro consiglio è di ridimensionare l’immagine con uno strumento di modifica e, solo successivamente, caricarla utilizzando un plugin di ottimizzazione per ridurne ulteriormente la dimensione. Questo, per evitare di caricare immagini di dimensioni superiori ai 2 MB nella libreria di WordPress, soglia oltre il quale si rischierebbe di esaurire rapidamente lo spazio disco.

Tra i plugin di WordPress per ottimizzare le immagini troviamo:

  • Imagify: è il plugin più avanzato per ridimensionare e comprimere le immagini in pochi istanti dall’app, dall’API o direttamente dal CMS. Offre la possibilità di scegliere il livello di compressione, in base alla qualità che si vuol ottenere, e di ripristinare le immagini alle loro versioni originali se necessario.
  • Optimole: rappresenta una soluzione all-in-one, basato su cloud, per tutte le esigenze. Con una gamma di funzionalità avanzate, questo plugin semplifica la “pulizia” di immagini pesanti e le elabora in tempo reale per renderle responsive.
  • EWWW Image Optimizer: è l’unico plugin che consente di ottimizzare le immagini utilizzando strumenti del server (jpegtran, optipng, pngout, pngquant, gifsicle, cwebp); le immagini vengono automaticamente compresse, ridimensionate per adattarsi alla pagina e alle dimensioni del dispositivo, caricate e convertite nel formato WebP.
  • ShortPixel Image Optimizer: si tratta di un plugin leggero e facile da usare, in grado di comprimere tutte le immagini in background e i documenti PDF con un solo clic.
  • Smush: è forse il plugin più apprezzato dalla community di WordPress; ottimizza tutte le immagini fino a 5 MB di dimensione senza alterarne l’aspetto. Smush scansiona meticolosamente ogni immagine, la pulisce da tutti i dati non necessari e li ridimensiona prima di aggiungerle alla libreria multimediale.


In alternativa ai plugin puoi serviti di appositi programmi di editing. Oltre ai più celebri Paint e Photoshop, segnaliamo:

  • FileOptimizer: si tratta di un software per ottimizzare file e immagini senza alterarne le proprietà. Dispone di tecniche avanzate di compressione ed ottimizzazione e integra la funzionalità Drag&Drop.
  • Paint.NET: è un software di editing per Windows. È dotato di un’interfaccia utente intuitiva e molto simile al classico Paint, disponendo però di ulteriori funzionalità comunque semplici da utilizzare.
  • Gimp: è un editor di immagini multipiattaforma, disponibile per GNU/Linux, macOS, Windows e altri sistemi operativi. È un software gratuito che offre ampia personalizzazione, grazie anche alla possibilità di installare plugin.
  • ImageOptim: è un software per iOS, che permette di gestire le dimensioni delle immagini preservandone la qualità. Rimuove i metadati EXIF, come quelli relativi alla posizione GPS e alla fotocamera utilizzata, in modo da poter pubblicare immagini senza esporre informazioni private.
  • OptiPNG: comprime le immagini senza perdere alcuna informazione, con focus sul formato PNG.

Best practice per ottimizzare le immagini

Quali possono essere alcune best practice che possono tornare utili in fase di ottimizzazione delle immagini?

  • Scegli un plugin che comprima e ottimizzi le immagini esternamente sul server, così da ridurre il carico sul sito.
  • Utilizza la compressione con perdita di dati quando possibile.
  • Serviti di un CDN per velocizzare ulteriormente il sito e il caricamento delle immagini.
  • Alterna formati PNG e JPG a immagini vettoriali SVG e valuta l’utilizza del formato WebP.
  • Ridimensiona le immagini basandoti sulla dimensione di visualizzazione.
  • Rimuovi i metadati non necessari dalle immagini.
  • Valuta il lazy loading, ossia il caricamento “in ritardo” delle immagini con l’obiettivo di velocizzare il primo rendering della pagina.

Ottimizzare le immagini ti aiuta a velocizzare le prestazioni del tuo sito web, favorendo sia i visitatori e la user experience sia i motori di ricerca. Anche altri fattori determinano la rapidità di caricamento delle pagine, tra cui il Web Hosting: scegliere il giusto servizio è il primo passo per assicurare al sito web prestazioni ottimali.

Avatar photo
433 articoli

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e amante della comunicazione digitale, in Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni ideali in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT
Articoli
Articoli correlati
CMS

Sito WordPress: come controllare lo stato di salute

2 minuti lettura
Garantire che un sito web funzioni in modo impeccabile è essenziale non solo per assicurare un’esperienza utente ottimale, ma anche per ottenere…
CMS

I migliori plugin WordPress per creare sondaggi

6 minuti lettura
Inserire un sondaggio all’interno del proprio sito web può essere un’opportunità per stimolare l’interazione da parte degli utenti. In quest’ottica, solitamente i…
CMS

Migrare un sito web WordPress in pochi passaggi

1 minuti lettura
Per ottenere il massimo dal tuo progetto web, è buona regola affidarsi a un web hosting che includa le caratteristiche e le risorse…