Hai un dominio .IT? Ti regaliamo il .EU!

Digital Marketing

Cos’è una Pillar Page e come crearla correttamente

4 minuti lettura
Cos'è una Pillar Page e come crearla correttamente

Quando si parla di posizionamento sui motori di ricerca occorre considerare diversi aspetti. Al giorno d’oggi, infatti, per scalare la SERP occorre intraprendere una serie di attività, dalla scelta delle migliori parole chiave fino alla pubblicazione di contenuti accattivanti, ma non solo.

La Pillar Page, in questo senso, è un contenuto SEO molto apprezzato da Google in quanto risponde in modo abbastanza esaustivo alle richieste dell’utente alla ricerca di informazioni utili.

Chiamata anche pagina pilastro, la Pillar Page rappresenta una sorta di “centro di raccolta” di cluster, ovvero di gruppi di articoli, che riesce a inviare a Google segnali di pertinenza e di qualità dei contenuti.

Cos’è una Pillar Page?

Una Pillar Page è una pagina pilastro che tratta l’argomento di un sito web in maniera apparentemente generale, senza entrare nel dettaglio. Ha l’obiettivo di fornire una sorta di panoramica che permette, mediante l’inserimento di collegamenti, di effettuare ulteriori approfondimenti spaziando tra le pagine di un sito web.

Attraverso la Pillar Page, Google ha modo di comprendere come il sito web in questione sia un punto di riferimento per una determinata query.

La Pillar Page è strettamente legata alla strategia di Topic Cluster Model. Tramite questo approccio appartenente alla sfera del content marketing, è possibile organizzare al meglio i contenuti e permettere agli utenti di trovare in modo immediato le risposte che stanno cercando.

Topic Cluster Model: di cosa si tratta?

La struttura del Topic Cluster Model verte attorno alla Pillar Page intesa come pagina che tratta genericamente l’argomento “topic”, ossia quello centrale, e a cui sono collegate pagine di “cluster”, quindi gruppi di articoli, che invece affrontano il tema in modo approfondito.

Seguire il metodo Topic Cluster Model permette di acquisire diversi vantaggi in termini di ottimizzazione e di posizionamento sui motori di ricerca. Rispondendo a una strategia che di fatto comunica l’autorità del tuo sito a Google, un cluster ha successo in quanto offre risposte affidabili e pertinenti alle ricerche degli utenti ed è organizzato attorno a una pagina pilastro, assolvendo l’algoritmo di indicizzazione semantica latente e incoraggiando le pagine a scalare il motore di ricerca.

Realizzare una Pillar Page con i relativi e specifici cluster non rappresenta un vantaggio solo per il proprietario del sito in termini di visibilità, ma anche per il visitatore, il quale troverà molto più facilmente ciò che sta cercando, avendo anche la possibilità di approfondire determinate tematiche.

Tipologie di Pillar Page

Le Pillar Page possono essere classificate in tre diverse tipologie.

  • La Pillar Page guida, che si pone come fonte principale. Le pagine in questo caso sono solitamente molto interattive e contengono immagini esplicative, video e una serie di link volti a incuriosire l’utente e spingerlo ad approfondire la tematica sul proprio sito web.
  • La Pillar Page che indaga e spiega un determinato argomento contiene informazioni specifiche su una tematica e risponde comunemente alla domanda “cos’è” o “di cosa si tratta“. Queste pagine contengono una serie di collegamenti cluster che solitamente sono quelli in grado di generare maggiore curiosità nel lettore.
  • La terza tipologia di Pillar Page ha lo scopo di spiegare come procedere per fare qualcosa e viene spesso raggiunta tramite ricerche che contengono le parole chiave “come si fa” o “come fare“. Questa particolare pagina è realizzata da chi ha soluzioni da proporre riguardanti un determinato tema, per esempio “come fare una campagna Google ADS”.

Come creare correttamente una Pillar Page

Realizzare una buona Pillar Page richiede un attento studio e una ricerca approfondita sulla tematica. Il topic non può essere casuale, ma nasce da una reale esigenza degli utenti che sono alla ricerca di determinate informazioni. Il segreto risiede nell’offrire le risposte che gli utenti stanno cercando. Vediamo, di seguito, quali sono gli aspetti più importanti per la costruzione di una Pillar Page efficace.

Il tema affrontato deve essere chiaro e inerente all’area di competenza, ai prodotti o servizi offerti. Ogni Pillar Page deve rispondere concretamente alla ricerca e alle domande degli utenti in modo chiaro e senza fraintendimenti. È importante costruire una trama di link interni efficace, in modo che l’utente possa muoversi sulle pagine del nostro sito trovando informazioni in linea con la sua ricerca. Le Pillar Page, inoltre, devono essere facilmente raggiungibili e rintracciabili all’interno del sito web.

Dopo aver terminato e pubblicato il contenuto della Pillar Page, è importante non abbandonare la pagina ma continuare ad aggiornarla per mantenerla sempre attiva e correttamente indicizzabile per i motori di ricerca.

Come nasce una Pillar Page efficace?

Per realizzare una buona strategia che comprenda una Pillar Page efficace, ci sono passaggi ben delineati da seguire.

Definire l’argomento

Scegliere l’argomento da trattare è fondamentale. Bisogna quindi chiedersi cosa stuzzichi l’interesse degli utenti e quali siano le tendenze del momento che gli internauti vanno cercando sui motori di ricerca.

Scegliere le giuste parole chiave e il “tone of voice” adeguato

Una volta definito con chiarezza l’argomento da trattare, è necessario passare alla ricerca delle keywords da utilizzare per aumentare l’ottimizzazione SEO e permettere agli utenti di trovare ciò che stanno cercando.

Una volta individuate le parole chiave, si può passare all’effettiva stesura della Pillar Page.

Il tono di voce deve essere coerente con il target di riferimento: ad esempio, se ci stiamo rivolgendo a una fascia di età giovane si può utilizzare un linguaggio colloquiale, che ispiri simpatia. In generale, è buona cosa adottare un linguaggio semplice per evitare il rischio di annoiare e, dunque, allontanare il lettore o diventare persino incomprensibili.

Cosa inserire oltre al testo

Una Pillar Page deve contenere un testo comprensibile, privo di errori e con le giuste keywords, ma non solo. Per una buona ottimizzazione SEO sono importanti anche altri contenuti, come le immagini e le call to action. Ricorda, dunque, di inserire:

  • immagini e video di alta qualità e della giusta dimensione, scelti con coerenza e rispettando il tema trattato;
  • tasti e link di call to action che spingano l’utente a interagire e compiere determinate azioni.

In conclusione

La Pillar Page ha il merito di aumentare il coinvolgimento degli utenti, allungare la durata delle sessioni sul proprio sito e fornire segnali di qualità a Google. Infatti, contenuti organizzati per Pillar Page e topic cluster tendono a essere premiati con un migliore posizionamento sulla SERP.

Se vuoi farti notare e incrementare il traffico organico proveniente dai motori di ricerca non puoi lasciare nulla al caso. Affida il tuo sito web a un servizio in grado di favorire elevate prestazioni. Mantenere alte le performance del tuo progetto online può davvero fare la differenza, poiché un hosting di qualità contribuisce a migliorare la visibilità, incrementare il numero delle conversioni e potenziare il business. Scegli il piano hosting ideale per le tue esigenze.

Avatar photo
409 articoli

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e amante della comunicazione digitale, in Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni ideali in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT
Articoli
Articoli correlati
Digital Marketing

Le migliori piattaforme per fare webinar

6 minuti lettura
I webinar rappresentano una risorsa fondamentale per la trasmissione e la ricezione di contenuti video in tempo reale tramite strumenti informatici. Negli…
Digital Marketing

Come creare un blog di successo da zero

3 minuti lettura
Il marketing è diventato un tassello imprescindibile in una strategia di successo online. Tra gli strumenti più efficaci a disposizione troviamo i…
Digital Marketing

Il 31 marzo ricorre la giornata mondiale del backup

3 minuti lettura
Il 31 marzo di ogni anno ricorre il World Backup Day, ovvero la giornata che vuole sensibilizzare gli utenti verso il tema della…