Hai un dominio .IT? Ti regaliamo il .EU! Iscriviti alla Newsletter entro il 14/4
Digital Marketing

Ottimizzare il codice HTML per la SEO

5 minuti lettura
Ottimizzare il codice HTML per la SEO

Ottimizzare il codice HTML per la SEO è di importanza fondamentale per farsi trovare da Google, e quindi per ottenere un buon posizionamento sui motori di ricerca.

Riempire il proprio sito web o blog di contenuti di qualità, accattivanti e sensazionali può servire a ben poco se non si prende in considerazione l’ottimizzazione del codice sorgente, ovvero fare SEO HTML.

La pratica di ottimizzazione SEO, effettuata con un’adeguata preparazione tecnica e cura dei particolari, può fare davvero la differenza tra un sito web visibile, con un rilevante traffico organico potenziale, e un sito che annaspa faticosamente nel mare magnum della rete.

Cosa si intende per SEO HTML

Fare SEO HTML significa ottimizzare i contenuti con tecniche SEO on-site, le quali richiedono una buona conoscenza del linguaggio e delle competenze HTML.

I contenuti di un sito web non possono che veder riconosciuto e incrementato il proprio valore, nonché essere favoriti da una maggiore visibilità su internet, se ottimizzati con codice HTML per SEO e, quindi, implementati con la giusta conoscenza di tag e meta tag e del loro valore semantico.

L’impostazione dei tag

Trattando di tematiche SEO HTML, la cosa più ovvia è rivolgere la propria attenzione ai tag, i quali sono elementi che costruiscono la struttura logica e l’ordine gerarchico dei contenuti, al fine di consentire la giusta visualizzazione sullo schermo del browser.

Dal punto di vista del codice sorgente HTML, una pagina web non è altro che un insieme di titoli, sottotitoli, testi e caratteri speciali, distinti dai relativi tag. Essi sono simboli caratteristici che, se scritti correttamente, decretano il riconoscimento dei contenuti da parte del browser e, di conseguenza, il loro posizionamento nei motori di ricerca.

Come utilizzare i tag HTML SEO

Affinché un contenuto venga intercettato da Google, nonché considerato valevole di risultare nella prima pagina della SERP, è necessario l’utilizzo dei tag specifici e in grado di migliorare la formattazione del testo.

Pertanto, nella scelta dei tag occorre ben ponderare:

  • Le finalità che si intendono perseguire su una pagina web;
  • Il loro valore dal punto di vista semantico;
  • Il metodo utilizzato per la scrittura.

Ecco di seguito alcuni dei tag più importanti (da intendersi chiusi ognuno in parentesi angolari) la cui conoscenza è di vitale importanza per ottimizzare il codice sorgente finalizzato al SEO:

  • title: Meta Title
  • description: Meta Description
  • alt: alternative
  • Meta Keywords
  • H1: titolo
  • H2: sottotitolo
  • strong: grassetto
  • img: immagini
  • a href: link

Meta Title e Meta Description

Di vitale importanza è l’inserimento di questi meta tag, in quanto rivestono un ruolo fondamentale per il ranking del sito web, ovvero il posizionamento sui motori di ricerca. I contenuti di Meta Title e Meta Description devono essere elaborati seguendo delle regole.

Il title tag deve contenere un numero di caratteri che può variare da un minimo di 50 a un massimo di 70. Esso è un elemento fondamentale che consente a Google di intercettare il tema rilevante della pagina.
La composizione del testo del tag title ha un’importanza decisiva, pertanto bisogna fare in modo che si presenti nel modo più chiaro e incisivo possibile. Occorre anche tener presente che i motori di ricerca possono far assurgere il tag H1, e altri contenuti rilevanti, al ruolo di tag title.

Per il description tag, questi permette di ottimizzare il click-through rate, ovvero la percentuale di visite che è possibile tenere sotto controllo con la Search Console.
Quest’ultimo meta tag presenta un limite nel numero massimo di caratteri contenibili, il quale non deve oltrepassare la soglia dei 150-160. Adottare tali restrizioni è essenziale per evitare che i testi vengano troncati.

Tag alt

Il tag alternative si utilizza per inserire un’immagine in un campo alternativo e, praticamente, serve per comunicare a Google il testo descrittivo dell’immagine.

In genere Google recepisce tali informazioni riferendosi al testo circostante l’immagine. Col tag alt, invece, la descrizione dell’immagine viene attribuita ad un preciso testo di riferimento.

Se l’inserimento delle immagini, invece, rispecchia solo una funzione decorativa, il tag alt può anche essere lasciato vuoto. Ad ogni modo, quando si desidera dare una descrizione alle immagini, è consigliabile servirsi di espressioni semplici e di impatto immediato.

Meta Keywords

In merito ai tag per le Meta Keywords, questi servono affinché Google recepisca il topic della pagina web. Ovviamente, è importante che siano inserite nel testo in modo corretto affinché gli algoritmi le possano intercettare in modo utile e costruttivo per il sito web.

Heading

I tag da h1 a h6, i quali distinguono i titoli delle pagine web, servono a conferire una sequenza logica nei contenuti.

Il titolo h1 è quello principale in quanto rappresenta l’intitolazione dell’intera pagina web. Non può assolutamente mancare ed è consigliabile che sia unico e incisivo.

L’h2 riguarda la categoria dei sottotitoli. Serve, oltre che a rendere più agevole la comprensione del testo, anche a stabilire un ordine gerarchico dei vari paragrafi.

Gli h2 possono contenere uno o più h3 affinché gli utenti possano beneficiare di una migliore organizzazione del contenuto, nonché a renderne la lettura più comprensibile e scorrevole.

Tag A href

Questo genere di tag è necessario quando si vogliono applicare dei collegamenti ipertestuali nel proprio sito, ovvero i link. Essi consentono di indirizzare gli utenti verso fonti esterne o altre fonti interne del proprio dominio.

I link sono molto importanti in quanto permettono a Google di intercettare le risorse più importanti di un sito. Pertanto, se si intende conseguire un alto ranking è necessario assumere buona familiarità con questo genere di tag.

L’utilizzo del tag per i link è un po’ particolare, anche se di semplice comprensione; si usa facendo precedere il link da un tag di apertura, ovvero a href, e da un tag di chiusura, ovvero /a.

I tag per HTML Advanced

È necessario avere padronanza anche delle tecniche HTML avanzate per ottimizzare un sito web. Comprendere la creazione di link building, attraverso la SEO off-site, è di fondamentale rilevanza per raggiungere il successo. L’importanza dei tag following e nofollow nel codice HTML, così come l’attriubuto follow e nofollow, deve essere compresa prima di eseguire qualsiasi ottimizzazione.

In particolare, il tag nofollow è quello che impedisce ai motori di ricerca di seguire un link. Al contrario, l’attribuzione del tag follow attira l’attenzione di Google.
Pertanto, nel primo caso, pur potendo l’utente visitare il sito a cui conduce il link, ciò non produce valore per gli algoritmi.

Molto utile si rivela tale opzione anche quando si presentano link da banner commerciali o da siti poco affidabili. D’altro canto, se un sito ha attribuito un link building con no follow verso un altro sito web, quest’ultimo subirà penalizzazioni da parte di Google.

Altresì, l’attributo rel=”canonical” si posiziona quando si vuole che Google segua una versione di un contenuto piuttosto che un’altra. Ciò si rivela particolarmente utile quando si vuole che Google prenda in considerazione solo un certo contenuto, in caso di testi duplicati.

Si può dire, dunque che, nell’attività di ottimizzazione del codice HTML in ottica SEO, è necessario non abbassare mai la guardia.

Tenere costantemente sotto controllo la posizione del sito, e sincerarsi che non subisca repentini abbassamenti del ranking (magari dovuti a penalizzazioni da parte di Google), è necessario per ripristinare prontamente la posizione ottimale e non riportare danni alla visibilità del sito.

SEO HTML in WordPress

L’interfaccia di WordPress permette non solamente l’inserimento dei Tag HTML nei contenuti, ma include la possibilità di modificare quelli ivi disposti dal suo CSM (acronimo di Content Management System).

Tutto sommato, inserire i giusti codici tag, nonché comprendere l’importanza che essi assumono in ottica SEO, è una questione di pratica.
Ciò che conta, fondamentalmente, è imparare a distinguere i percorsi canonici da quelli assoluti, e a servirsi del tag href lang specialmente nella creazione e gestione dei siti a carattere multilingue.

Avatar photo
409 articoli

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e amante della comunicazione digitale, in Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni ideali in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT
Articoli
Articoli correlati
Digital Marketing

Come creare un blog di successo da zero

3 minuti lettura
Il marketing è diventato un tassello imprescindibile in una strategia di successo online. Tra gli strumenti più efficaci a disposizione troviamo i…
Digital Marketing

Il 31 marzo ricorre la giornata mondiale del backup

3 minuti lettura
Il 31 marzo di ogni anno ricorre il World Backup Day, ovvero la giornata che vuole sensibilizzare gli utenti verso il tema della…
Digital Marketing

5 estensioni per ottimizzare un e-commerce Magento in ottica SEO

3 minuti lettura
Nel competitivo mondo dell’e-commerce, raggiungere un buon posizionamento nei risultati di ricerca è fondamentale per il successo del negozio online. Magento, una…