Appassionare alla scienza: la nostra collaborazione con Summer STEM Academylink
E-commerce

Come rendere il tuo sito più performante?

4 minuti lettura
come rendere il tuo sito performante

È una domanda che i professionisti del settore si pongono quotidianamente: come rendere il sito più performante?

Difficile dare una risposta univoca, esistono degli accorgimenti da adottare che ti aiuteranno, ma bisogna sempre scendere a patti con l’algoritmo di Google e se queste misure siano efficaci in ottica SEO.

Per ottimizzare il sito è necessario operare sia da back-end, migliorando il codice di scrittura, sia da front-end, realizzando una migliore user experience.

Ma cosa puoi fare nel dettaglio? Questi sono i nostri suggerimenti.

Responsive significa che il sito si adatta automaticamente al dispositivo utilizzato dall’utente, che sia smartphone, PC o tablet.

Se nel 2020 il tuo sito non è responsive, hai già perso in partenza.

È fondamentale adottare un approccio mobile first, cioè progettare dei siti che siano fruibili in maniera ottimale da tutti i dispositivi mobile. Perché? Sono i dati a dircelo, infatti ammontano a 5,11 miliardi gli utenti unici di telefonia mobile, in crescita di 100 milioni (2%) rispetto all’anno precedente (Global Digital Report, di We are Social e Hootsuite, 2019).

Una navigazione difficoltosa può compromettere la conversione del tuo cliente.

Lo stesso Google predilige i siti responsive, facendoli salire di posizione nella SERP. Avere lo stesso URL e codice HTML su qualsiasi dispositivo, facilita l’indicizzazione e organizzazione dei contenuti. Anche a livello di gestione e aggiornamento dei contenuti, ti basterà agire una sola volta e il layout stesso del sito ottimizzerà il tuo lavoro sui vari dispositivi.

Un sito responsive e user-friendly consente un’esperienza di navigazione fluida e soddisfacente da parte dell’utente, migliorando la user experience: un aspetto che non è possibile tralasciare nel 2020.

realizzare sito responsive

Velocità di caricamento

Insieme ad un layout responsive, il tuo sito deve anche essere veloce nel caricamento. È un altro must, un tassello fondamentale per avere un sito performante. Uno studio di DoubleClick by Google dice che il 53% degli utenti mobile abbandona un sito se questo impiega più di 3 secondi per caricare la pagina.

Come puoi misurare la velocità di caricamento?

Google mette gratuitamente a disposizione un tool Google PageSpeed Insights: inserisci l’URL del sito che vuoi esaminare e riceverai una schermata con l’analisi di rendimento della pagina. Si focalizza principalmente sulla velocità dando alcuni consigli per migliorarla, al fine di rendere il sito più performante. Un tool simile a Google PageSpeed è Pingdom.

I parametri di misurazione dei vari strumenti considerano solo quegli aspetti su cui il proprietario del sito può intervenire, ad esempio la dimensione dei dati in upload e download, la configurazione del server web o i codici JavaScript e CSS.

Se la pagina analizzata è la tua, puoi capire immediatamente cosa non va e sistemare il sito, altrimenti è comunque un buon metodo per capire gli errori dei competitor e non replicarli.

Quali sono i parametri ideali?

Per un controllo rapido della velocità di caricamento, ci sono 3 parametri principali da tenere in considerazione:

  • Total page size: indica il peso complessivo della pagina. Il valore ideale per una pagina è 1 MB.
  • Page load time: indica il tempo di caricamento di una pagina. Il valore ideale massimo è di circa 3 secondi, in seguito l’utente si scoraggia e, con alta probabilità, lascia il sito.
  • Requests: è il numero complessivo di richieste inviate al server da parte del browser durante il caricamento di una pagina. Il valore ideale è <30.

Dimensione degli elementi multimediali

Il peso degli elementi multimediali è strettamente correlato alla velocità del sito. La grandezza di un’immagine, in termini di byte, influisce sul caricamento della pagina e quindi sulla user experience.

È importante che l’immagine abbia il giusto compromesso tra qualità e dimensioni: in questo modo da un lato, la pagina del tuo sito sarà veloce nel caricamento, dall’altro l’utente riuscirà navigherà in modo soddisfacente.

Oltre a scegliere con attenzione le dimensioni delle immagini, devi nominare i file in modo semplice e descrittivo e ottimizzare l’attributo “alt”, il testo alternativo che il browser mostra quando non riesce a riprodurre l’immagine. Questo passaggio aiuta a migliorare l’indicizzazione.

Attiva il protocollo HTTP/2

Il protocollo HTTP/2 è la nuova versione del protocollo HTTP e offre migliorie legate allo scambio dei dati, alla sicurezza dei dati sensibili e alla velocità di caricamento.

Grazie a questo protocollo, la connessione e il trasferimento di informazioni tra browser e server sono più flessibili ed efficienti e questo si traduce in una maggiore velocità delle pagine web.

Accelerated Mobile Page (AMP)

Google ha lanciato un progetto, Accelerated Mobile Page, o AMP, che ha l’obiettivo di velocizzare il caricamento delle risorse da mobile, riducendo i dati utilizzati e incrementando la velocità.

È una funzione limitata alla sola versione mobile dei siti: i benefici riguardano solo la SERP mobile, migliorando la relativa esperienza dell’utente.

Scegliere un hosting sicuro e affidabile

La scelta di un hosting provider sicuro e affidabile è un elemento imprescindibile se vuoi che il tuo sito sia performante.

I provider attivi sul mercato italiano sono diversi, scegli in modo consapevole informandoti sui servizi e soprattutto sulla sicurezza e sul livello di assistenza fornito, fattori fondamentali per il tuo sito.

Il nostro payoff il primo hosting italiano Security First sottolinea l’attenzione e l’impegno profusi dal nostro Supporto Tecnico per dare la massima assistenza possibile a tutti i clienti.

L’obiettivo finale è aumentare le conversioni

L’obiettivo finale è sempre lo stesso: aumentare le conversioni grazie al tuo sito e ampliare la tua rete di clienti.

Più la navigazione di una pagina web è scorrevole, più gli utenti sono incentivati a restare e navigare sul sito: la probabilità di diventare cliente e quindi di una conversione aumenta se, per l’appunto, il sito è ben ottimizzato e facilmente navigabile.

Un sito correttamente ottimizzato sotto i vari punti di vista può fare la differenza per te e per il tuo business. Segui i nostri consigli per attirare fin da subito potenziali clienti.

E tu adotti queste misure? Se ne conosci altre faccelo sapere commentando i post sui social!

Elena Parise

Note sull'autore
Marketing Assistant - Appassionata di scrittura e social media, crede fortemente nell’influenza positiva del digitale e della comunicazione nella vita quotidiana. In Shellrent supporta le imprese nell’identificazione delle soluzioni più adatte in materia di hosting, cloud e infrastrutture IT.
Articoli
Articoli correlati
E-commerce

WooCommerce: il plugin per creare un e-commerce con WordPress

4 minuti lettura
WooCommerce, con più di 5 milioni di installazioni attive, è il plugin più popolare per realizzare un portale e-commerce sfruttando il tuo…
E-commerce

Come realizzare una pagina contatti efficace

7 minuti lettura
Quando realizzi il tuo sito web devi porre molta attenzione alla sezione contatti, la pagina con tutti i tuoi recapiti e informazioni….
E-commerce

Le 5 best practice da seguire per un e-commerce di successo

10 minuti lettura
Le piattaforme e-commerce sono in continua e rapida ascesa in tutto il mondo: cosa c’è di più facile di acquistare online i…